×

Carlo Calenda, chi è il candidato sindaco di Roma alle elezioni comunali 2021

Carlo Calenda è il candidato sindaco per Roma, e spera di ricevere il sostegno da parte del Partito Democratico. Ecco la sua vita pubblica e privata

Notizie sul politico Carlo Calenda

Carlo Calenda, importante esponente della Sinistra italiana, si è candidato per la poltrona di sindaco di Roma. Ecco le informazioni più importanti sulla vita pubblica e privata del politico italiano.

Carlo Calenda: chi è

Carlo Calenda è nato a Roma il 9 aprile del 1973, in una famiglia già molto nota del mondo dell’arte e dello spetatcolo.

Suo nonno era infatti il regista Luigi Comencini, e il piccolo Carlo, ha soli 10 anni ha preso parte al film Cuore diretto dal nonno. Anche sua madre, Cristina Comencini, è un nota regista, anche se allo stesso tempo è anche una rinomata economista, così come lo è anche suo padre Fabio Calenda.

Proprio il fatto che nella sua famiglia si respirasse l’economia e i numeri ha permesso al giovane Carlo di appassionarsi a questa materia, anche se poi ha deciso di studiare legge all’università.

L’economia è però sempre stata presente nei suoi lavori, prima di dedicarsi alla politica.

Ha una sorella, Giulia, che fa la sceneggiatrice per diverse produzioni italiane.

Carlo Calenda: vita privata

Carlo Calenda ha avuto la prima figlia, Tay, quano aveva appena sedici anni. La madre della figlia era la segretaria del compagno della madre Cristina, una ragazza con cui è cresciuto insieme.

Più tardi si è sposato con la manager Violante Guidotti Bentivoglio, ed insieme hanno avuto tre figli.

Carlo Calenda: il lavoro

Prima di entrare in politica, Carlo Calenda ha lavorato per diverse società finanziarie prima di entrare in Ferrari, nel 1998, dove in poco tempo, grazie alle sue capacità, diventa il responsabile della gestione delle relazioni con i clienti e con le istituzioni finanziarie.

Dopo un breve periodo in Sky, dal 2004 al 2008 lavora per Confindustria, dove è il direttore dell’area strategica e affari internazionali, il tutto durante la presidenza di Luca Cordero di Montezemolo, che l’aveva conosciuto e cominciato ad apprezzare qundo era ancora in Ferrari.

Carlo Calenda: la carriera politica

Da poco entrato nella poltica, il 2 maggio 2013 viene nominato viceministro dello sviluppo economico nel governo Letta, e mantiene lo stesso incarico anche sotto il governo Renzi.

Dopo alcune esperienze politiche, sia in Italia che in Europa, il 6 marzo del 2018 annuncia la sua adesione al Partito Democratico. La sua permanenza in questo partito è però molto breve, perché già nel gennaio del 2019 lo lascia per fondare un suo partito, chiamato “Siamo Europei”, col fine di contrastare le idee della Lega in Europa.

Dopo questa parentesi, decide poi di fondare di nuovo un altro partito, a inizio 2020, questa volta chiamato Azione, con cui si presenta a ottobre 2021 alle elezioni per il sindaco di Roma, sperando di mettere fine al governo della città da parte dei 5 Stelle e di Virginia Raggi.

Contents.media
Ultima ora