Carlo De Benedetti sull'articolo 18 - Notizie.it
Carlo De Benedetti sull’articolo 18
Economia

Carlo De Benedetti sull’articolo 18

Carlo De Benedetti
Carlo De Benedetti

Nel corso di un incontro per la presentazione dell’ultimo libro di Ermete Realacci, sono da registrare le interessanti dichiarazioni di Carlo De Benedetti sull’articolo 18. A proposito del quale, il patron del gruppo L’Espresso, è estremamente chiaro: «Togliamo di mezzo questa puttanata del dibattito sull’articolo 18. Io faccio l’imprenditore da 54 anni, non mi sono mai imbattuto nell’articolo 18». E quando incontro un amico americano che mi dice che non investe in Italia per l’articolo 18, scopro che non l’ha mai letto». In effetti, lo dice sempre qualcun altro, in Italia, sperando che qualcuno ci caschi. L’ultimo è stato Bombassei, il candidato dell’ala oltranzista dei datori di lavoro alla presidenza di Confindustria, ma si vede che lui non ha amici americani. Lo stesso De Benedetti afferma l’esigenza di rendere più efficiente la disciplina dell’articolo 18, tutelando la sua applicazione nei casi di licenziamenti individuali discriminatori, ritenendo indecente che un’azienda debba ritrovarsi al lavoro uno che ha licenziato dieci anni prima.

Insomma, se lo spirito dell’articolo 18 è da mantenere, le modifiche vanno fatte nell’efficienza. Infine, un giudizio lapidario su come si sta portando avanti la discussione: «Ma vendere questa roba come flessibilità è una solenne menzogna». Più chiari di così, si muore o si finisce a discutere del sesso degli angeli, come stanno facendo le parti sociali in questi giorni, battagliando su un falso problema che agita i sonni solo degli italiani. Negli altri paesi si discute di come creare lavoro, da noi come licenziare i lavoratori. Se non è una anomalia questa…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche