Ca’Scapini, borgo fantasma in provincia di Parma - Notizie.it
Ca’Scapini, borgo fantasma in provincia di Parma
Viaggi

Ca’Scapini, borgo fantasma in provincia di Parma

Ca' Scapini

Ca’ Scapini (o Case Scarpini) è una frazione del comune montano di Compiano in provincia di Parma e si trova nei pressi del paese di Bardi. Le sue case di pietra, senza più porte e finestre, sono disabitate da almeno quarant’anni e disegnano un paesaggio davvero spettrale, che la natura sta cercando di inghiottire. Per la precisione questo luogo è stato abbandonato in fretta e furia dagli abitanti durante l’occupazione nazista nella Seconda Guerra Mondiale, tuttavia leggenda vuole che sette bambini siano stati lasciati lì poiché gravemente malati senza alcuna possibilità di sopravvivere o magari orfani di cui nessuno poteva occuparsi, data l’estrema povertà in cui si viveva all’epoca. I loro pianti si udirebbero ancora oggi dalle case, tanto che questo paese, oltre ad essere chiamato “maledetto” per il suo stato di abbandono e di degrado, è anche chiamato “paese dei bambini perduti” o il “paese dei bambini che piangono”. Gli “scarpini” che (in dialetto) danno il nome al paese, sarebbero i loro, secondo alcuni, ma in realtà così si chiamava una facoltosa famiglia del posto.

Un’altra versione della leggenda dei bambini racconta che essi non abbiano voluto lasciare le loro abitazioni e sarebbero “tornati” come fantasmi, facendo sentire i loro lamenti di protesta. Non solo: in questo luogo sarebbero stati anche praticati riti satanici o esoterici, ma si parla anche di una giovane pastorella uccisa e mutilata negli Anni Quaranta nei pressi della cappella situata all’ingresso del paese.

1 / 6
1 / 6
Ca' Scapini
Altre case abbandonate di Ca' Scapini
L'abbandono completo del borgo
Altre case abbandonate ancora
Casa abbandonata di Ca' Scapini
Altra suggestiva immagine del luogo abbandonato
1 / 6
1 / 6
Ca' Scapini
Altre case abbandonate di Ca' Scapini
L'abbandono completo del borgo
Altre case abbandonate ancora
Casa abbandonata di Ca' Scapini
Altra suggestiva immagine del luogo abbandonato

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche