> > Cashback, cosa succederà con il governo Meloni?

Cashback, cosa succederà con il governo Meloni?

Giorgia Meloni

Quasi sicuramente, con il governo che dovrà formare Giorgia Meloni, il cashback sarà completamente cancellato. Ma in cosa consisteva questo provvedimento?

Il cashback con Giorgia Meloni potrebbe essere definitivamente abolito.

La leader di Fratelli d’Italia, quano era all’opposizione, ha in più occasioni criticato la misura atta a contrastare l’evasione fiscale voluta dal governo Conte bis.

Cos’è il cashback

Al momento il cashback resta ancora congelato tra i provvedimenti mirati contro l’evasione fiscale. Fu un operazione da 4 miliardi voluta fortemente da Giuseppe Conte per incentivare l’utilizzo della carta di credito o di debito ed evitare l’uso smoderato delle banconote.

Così facendo gli esercenti erano obbligati a dichiarare fino all’ultimo centesimo. Questa misura era un vantaggio anche per coloro che facevano spese usando le carte e non le banconote, in quanto potevano avere un ritorno di almeno il 10% sulle spese effettuate.

Cashback, cosa succederà con il governo Meloni?

Allo stato dei fatti il cashback non è più in vigore e potrebbe anche essere abolito completamente. Il ministero dell’Ecomomica aveva anche pensato ad una sorta di ibrido: cashback solo per settori a maggior rischio evasione.

Giorgia Meloni, però, ha sempre sostenuto che la demonizzazione della banconota fosse una battaglia ideologica del governo giallo rosso e che era solo un peso per le casse dello Stato, arrivandolo a definire addirittura un flop. Il cashback non è mai stato menzionato nei programmi di Fratelli d’Italia che ora rappresenta la maggioranza e le posizioni critiche della leader di partito, unite alle priorità come il caro bollette hanno gettato ancora più ombre su questo provvedimento.