Il caso di Peter Drew: quando un poster scuote le coscienze
Il caso di Peter Drew: quando un poster scuote le coscienze
Cultura

Il caso di Peter Drew: quando un poster scuote le coscienze

peter draw
peter draw

Veicolare un messaggio chiaro e semplice, capace di scuotere le coscienze, senza aver paura di dividere l’opinione pubblica: in questo Peter Drew, un giovane australiano che di mestiere fa il visual artist, si sta rivelando un maestro.

Negli ultimi anni, più precisamente dal 2015, l’emergente ragazzo di Adelaide ha realizzato una serie di manifesti. Tutti diversi, tutti uniti da un unico, comune denominatore: una denuncia forte per portare alla ribalta criticità sociali. Prima le tematiche nazionali, che riguardavano i proprietari terrieri, le politiche sui richiedenti asilo e altre questioni rilevanti di ’identità nazionale australiana. Poi, le leggi americane sulle armi da fuoco, un tema di respiro internazionale, sentito anche Oltreoceano.

Con il poster che ritrae un fucile spezzato ed il claim “Australia – it works” l’artista ha voluto sottolineare l’efficacia delle leggi australiane sul possesso di armi, e che queste potrebbero – anzi dovrebbero – essere fonte di ispirazione anche per la politica a stelle e strisce.

L’artista, come ha annunciato alcuni giorni fa, ha in agenda un viaggio on the road negli States. Ha dichiarato: “ Quello che mi auguro è di parlare con gli americani e di capire cosa davvero pensano sulla questione armi”.

I poster di protesta sono stati inizialmente promossi attraverso i social, per raggiungere un pubblico internazionale. Un modo per mostrare il lavoro a più persone possibile ed avere feedback rilevanti da altri artisti. L’impresa è riuscita, visto che i poster sono diventati presto virali e hanno iniziato a fare il giro del mondo.

I progetti di Peter hanno suscitato interesse, non solo in patria.

“Spero che i miei lavori diano il via a dibattiti attorno a un tema (riferito alle normative americane sulle armi da fuoco, ndr) così delicato, e che trasformino un’opera personale ed artistica in qualcosa di più grande”, ha detto Drew alla stampa.

Che sia un poster, una foto, un semplice volantino o una stampa su forex esposta all’angolo della via: qualunque sia il supporto utilizzato, al giorno d’oggi veicolare un messaggio può rivelarsi incredibilmente semplice e veloce. Basta (si fa per dire) un po’ di talento, e la capacità di toccare le giuste corde presso il pubblico di riferimento.

Ci lasciamo con una domanda: che cosa succederà in America? Il lavoro di Drew sarà di ispirazione? Il tempo risponderà a questo interrogativo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche

THIERRY MUGLER Angel
77.5 €
Compra ora
Sabrina Rossi 904 Articoli
Laureato in Storia, amante della televisione e della musica italiana con la passione per il calcio. Tremendamente testardo ma sempre pronto al dialogo con tutti. Andrea Ienco, nato nel 1992 a Milano. Laureato in Storia con la passione per il cinema e per tutto ciò che è innovativo. Il Master in Giornalismo e i viaggi negli Stati Uniti mi hanno dato la possibilità di crescere e imparare le tecniche del mestiere. Amante dei libri, specialmente storici, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.