Caso Weinstein, la polizia di New York ha prove sufficienti per accusarlo
Esteri

Caso Weinstein, la polizia di New York ha prove sufficienti per accusarlo

Weinstein

La polizia di New York ha dichiarato di avere prove sufficienti per accusare Weinstein di stupro. Un'altra attrice, Paz de la Huerta, ha denunciato il produttore per molestie.

La polizia di New York ha dichiarato di aver raccolto abbastanza indizi sul caso Weinstein. Il produttore ora, quindi, rischia davvero tanto. L’accusa nei suoi confronti sarebbe per stupro. L’inchiesta è stata affidata al detective Nicholas DiGaudio, il quale ha confessato “Sulla base dei miei colloqui con Paz de la Huerta penso che abbiamo abbastanza elementi per fare un arresto”. L’attrice, citata da DiGaudio, ha confessato di aver subito le violenze del produttore per ben due volte, nel 2010. Ora, non resta che attendere a cosa andrà incontro il numero 3 di Hollywood.

Weinstein sempre più nei guai: il racconto di Paz de la Huerta

La polizia di New York ha aperto un terzo filone di inchiesta. La causa scatenante è stata la confessione di un’altra attrice. Paz de la Huerta, attrice di “Boardwalk Empire” ha dichiarato di essere stata stuprata due volte sette anni fa. Il suo racconto coincide con quello offerto ai media e alle autorità giudiziarie da altre 50 donne.

Ecco la storia che ha confessato di aver subito Paz de la Huerta.

Dopo un evento a Manhattan, Weinstein aveva offerto un passaggio a casa all’attrice. I due erano vicini di casa, dunque la donna accettò volentieri. Il produttore, però, aveva insistito per farla salire da lui per bere un drink insieme. Così, una volta arrivati in casa, Weinstein ha iniziato a spogliarsi velocemente e a violentare l’attrice. Il tragico evento si ripeté, poi, anche la vigilia di Natale dello stesso anno. Il procuratore di New York, Cy Vance, ha assegnato al caso un sostituto specializzato in reati di sesso.

Weinstein è sotto indagine anche a Londra e Beverly Hills.

Il caso Spacey

Scotland Yard si è, invece, dedicata al caso di Kevin Spacey. La Metropolitan Police sta indagando sulle accuse di un giovane, il quale ha affermato di essere stato abusato dall’attore. Nel 2008, ha raccontato il giovane, si era svegliato in casa di Spacey scoprendo che l’attore “stava compiendo un atto sessuale su di lui”.

Accuse di molestie sono arrivate anche dal cast di House of Cards. Otto dipendenti della produzione dello show firmato Netflix hanno parlato di un clima nocivo. Questo, a causa delle continue avance dell’attore sui giovani maschi della troupe.

Hollywood è, decisamente, nel mirino. I casi di questo genere sono molteplici. La densità è tale da raggiungere lo scandalo della pedofilia che si è scagliato contro la chiesa cattolica nel 2001.

Weinstein
© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche