Caso Weinstein: Quentin Tarantino 'Sapevo tutto, potevo fare di più'
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Caso Weinstein: Quentin Tarantino ‘Sapevo tutto, potevo fare di più’
Lifestyle

Caso Weinstein: Quentin Tarantino ‘Sapevo tutto, potevo fare di più’

Caso Weinstein

Il regista Quentin Tarantino parla del caso Weinstein e confessa di essere stato a conoscenza dei suo comportamenti molesti

E’ il caso del momento, tutti ne parlano ed ogni giorno spuntano nuove testimonianze che vengono diffuse dai media. Stiamo parlando della scandalo che ha coinvolto Harvey Weinstein, il produttore cinematografico di Hollywood, reo di aver abusato sessualmente di numerose attrici tra cui Angelina Jolie e Gwineth Paltrow. Anche in Italia questo caso ha avuto una notevole risonanza dopo la confessione dell’attrice Asia Argento. Ma questa volta a parlare e Quentin Tarantino che ha dichiarato di essere a conoscenza dei comportamenti del produttore.

Quentin Tarantino: la confessione sul caso Weinstein

Ne parlano tutti: attori, registi e addetti ai lavori. Ma questa volta a esprimersi sul caso che ha coinvolto uno dei più grandi produttori di Hollywood è il grande regista Quentin Tarantino. Le sue dichiarazioni in merito al caso che ha coinvolto Harvey Weinstein hanno lasciato tutti di stucco. Il regista di Pulp Fiction ha lavorato per molti anni con Weinstein ed il loro sodalizio artistico è andato avanti per molti e molti film.

Per cui ci lascia interdetti sapere che Tarantino era già a conoscenza della “fama” del produttore.

In una intervista rilasciata al New York Times avrebbe dichiarato di essere già a conoscenza dei comportamenti che Weinstein aveva con alcune attrici, ma non ha detto nulla in merito. Il regista mostra un profondo senso di colpa per non aver denunciato già da allora ciò che sapeva su di lui, perché era già al corrente della situazione prima che venisse denunciata dai giornali. Ed afferma che non si trattava di un semplice gossip o di voci di corridoio. Lui sapeva esattamente cosa stava accadendo ma ha scelto ugualmente di continuare a lavorare per lui.

Quentin Tarantino: mi sento in colpa

Inoltre, ha raccontato che anche la sua fidanzata Mira Sorvino è stata vittima di alcune attenzioni particolari da parte di Weinstein. Attenzioni che, pensava, fossero un caso isolato e che non si sarebbero più ripetute una volta chiarito che la Sorvino era la sua fidanzata.

Ha pensato ingenuamente, dice, che il produttore avesse una cotta per l’attrice e così ha lasciato correre.

Ma anni dopo, il regista ha ascoltato una storia simile dalla voce di un’altra attrice che avrebbe collaborato con il produttore. Ed allora si è fatto tutto chiaro. Ora Quentin Tarantino si scusa ed è pentito del suo comportamento che, dichiara, cambierebbe se potesse tornare indietro. Perciò incita tutte le attrici, o semplicemente le donne vittime di violenza, a denunciare le molestie subite, e non nascondersi dietro il proprio silenzio. E nel frattempo, spunta un’altra attrice, il cui nome resta ancora anonimo, che ascoltata dalla polizia, ha dichiarato di essere una delle tante ad essere stata vittima di abusi da parte di Weinstein.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche