×

Catene da Neve: valanga di Proteste su Palazzo Isimbardi

Gli automobilisti non ci stanno e sulla nuova ordinanza, che obbliga ad avere le catene da neve a bordo, vogliono dire la loro, anche in considerazione del fatto che a Milano la media delle precipitazioni nevose negli ultimi 60 anni è di 21 cm annui: siamo ben lontani dall’essere una pista da sci.

Così hanno sommerso di ricorsi e proteste le autorità competenti, primo fra tutti, Palazzo Isimbardi, Provincia di Milano.

Si sa, le catene da neve hanno le loro limitazioni all’uso, come per esempio la difficoltà a montarle nelle situazioni di emergenza; la garanzia della tenuta sul ghiaccio non estesa a tutti i modelli, la necessità di utilizzarle solo in presenza di parecchia neve sull’asfalto, pena la rovina del manto stradale e del pneumatico stesso; la necessità di toglierleal termine del tratto innevato.

Sulla questione l’assessore provinciale ai trasporti Giovanni De Nicola ha dichiarato: «L’ordinanza si applica quando il buon senso dice che va applicata e non deve essere un modo di fare cassa.

Qualora la Polizia Locale sanzioni l’automobilista non in regola in una giornata di sole, sospenderemo l’ordinanza in quel tratto ed evidenzieremo il modo scorretto di utilizzare le norme, che sono invece studiate per creare sicurezza”.

Si ma intanto la multa viene comminata lo stesso, e all’automobilista, per farsela togliere, tocca perdere tempo, parecchio tempo.

Ne vale davvero la pena?

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
giacomo

bella roba, solo un modo per farci spendere soldi e scaricarci la colpa quando Milano si bloccherà, come ogni anno, per la neve!! vergogna!!!!

Leggi anche