×

Cavour e il suo Tempo

Un allestimento di particolare interesse quello aperto al pubblico ad Agliè dal 25 giugno al 5 luglio nel Salone Alladium (via Bairo), con inaugurazione il 25 giugno alle 21 e possibilità di visite dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 21.
Insieme alla mostra sarà infatti possibile visionare una parte del carteggio tra Cavour e Lorenzo Valerio, conservato presso la Biblioteca di Storia e Cultura del Piemonte “Giuseppe Grosso”, che ha sede a Palazzo Dal Pozzo della Cisterna e custodisce numerose lettere autografe di personaggi rilevanti del Risorgimento Subalpino.
Ad Agliè Valerio visse per molti anni, fondando, tra l’altro, l’asilo Regina Maria Cristina. Prestigioso ed eminente esponente politico pre e post-risorgimentale, giornalista e scrittore, Valerio collaborò (ma ebbe anche scontri politici) con il Conte Camillo Benso nel delicato periodo che portò all’unificazione d’Italia.

Sabato 3 luglio ad Agliè è previsto un annullo filatelico dedicato alla memoria di Lorenzo Valerio.

IL CARTEGGIO CAVOUR-VALERIO NELLA BIBLIOTECA STORICA DELLA PROVINCIA DI TORINO

Chi fosse interessato ad approfondire, attraverso una documentazione originale, la conoscenza storica della figura del Conte Camillo Benso può consultare uno dei quaranta archivi custoditi dalla Biblioteca di Storia e Cultura del Piemonte “Giuseppe Grosso”, che ha sede a Palazzo Cisterna e custodisce numerose lettere autografe di personaggi rilevanti del Risorgimento Subalpino. Lo storico Domenico Berti ha definito l’archivio come un “vastissimo carteggio degli uomini più liberali dell’Italia e dell’Europa”. Spiccano, appunto, tra i documenti conservati a Palazzo Cisterna le lettere di Camillo Cavour al deputato Lorenzo Valerio, datate fra il 1852 ed il 1860. Tra di esse ve n’è una datata marzo 1852, che rievoca i disordini sanguinosi accaduti a Sassari il 24 febbraio di quell’anno.

In un’altra, del 19 settembre 1856, Cavour trasmette a Valerio il libro di Bayle St. John sul Piemonte. Numerosi sono poi i rapporti epistolari di cortesia, o intesi a fissare al deputato una serie di appuntamenti presso il Ministero dell’Interno. Curioso notare come Cavour ci tenesse a rimarcare la distanza politica con Valerio, al quale si rivolge con ironia, firmandosi “Suo devotissimo avversario C. Cavour” (Torino, 31 dicembre 1859). In altra occasione, con una lettera del 10 marzo 1859, divergendo dalle opinioni dell’impulsivo e combattivo Valerio, Cavour stigmatizza così la rivoluzione: “non si deve respingere l’elemento insurrezionale, o, se meglio le piace, rivoluzionario, ma non si può somministrare in dosi troppo forti, sia a ragione dell’Europa, sia del proprio Paese, che non ha stomaco fatto per digerirlo, se non moderatamente” (Lettera di Cavour a Valerio. Torino, 10 marzo 1859).

LE PROSSIME TAPPE DELLA MOSTRA SU CAVOUR

Il tour della mostra proseguirà a:

  • Susa (5-19 luglio)
  • Venaus (6-21 luglio)
  • Foglizzo (21-31 luglio)
  • Chiomonte (23 luglio-8 agosto)
  • Claviere-Montgenévre (1-7 agosto)
  • Ceresole Reale (Casa GranParadiso, 8-22 agosto)
  • Prali (10 agosto-17 agosto)
  • Chivasso (23 agosto-5 settembre)
  • Verolengo (6-15 settembre)
  • Caselle (9-21 settembre)
  • Riva presso Chieri (17-30 settembre)
  • Borgiallo (22-30 settembre)
  • Garzigliana (1-7 ottobre)
  • Vinovo (1-14 ottobre)
  • Bricherasio (8-19 ottobre)
  • Buriasco (21-31 ottobre)
  • Candiolo (15 ottobre-4 novembre)
  • Colleretto Giacosa (1-15 novembre)
  • Verrua Savoia (5-20 novembre)
  • Grugliasco (16-30 novembre)
  • Settimo Torinese (26 novembre-15 dicembre)
  • Villastellone (2-12 dicembre)
  • Caselette (13-20 dicembre)
  • Pinerolo (16-31 dicembre)

Scrivi un commento

300
Caricamento...

Leggi anche