×

Cazzaniga, come la fidanzata spendeva i soldi rubati: “Mi comprava regali”

La truffa ai danni di Roberto Cazzaniga ha coinvolto un altro uomo, ignaro di tutto, vittima di un altro raggiro organizzato da Valeria Satta.

Roberto Cazzaniga

La truffa ai danni di Roberto Cazzaniga ha coinvolto un altro uomo, ignaro di tutto, vittima di un altro raggiro organizzato da Valeria Satta. L’altra vittima è Massimo, un 25enne di Bari. 

Cazzaniga, come la fidanzata spendeva i soldi rubati: un altro ragazzo truffato

Roberto Cazzaniga è stato truffato per ben 15 anni da Valeria Satta, che si spacciava per la bellissima modella Maya, sottraendo circa 700mila euro al pallavolista. La vicenda è stata portata alla ribalta da una inchiesta de Le Iene, che ha scoperto tutta la verità. Sono emersi nuovi dettagli sulla vicenda, in cui sono state coinvolte anche altre persone. Valeria Satta è riuscita a raggirare un altro ragazzo, per poco più di un anno, con lo stesso identico inganno.

Il pallavolista era convinto di essersi fidanzato con la modella brasiliana Alessandra Ambrosio, a cui la Satta rubava le immagini.

Cazzaniga, come la fidanzata spendeva i soldi rubati: la seconda truffa

La seconda truffa di Valeria Satta si è consumata nei confronti di Massimo, un 25enne di Bari, ed è tutto molto simile a quello che è accaduto a Cazzaniga, anche se in questo caso è durata solo un anno. Il ragazzo ha riconosciuto la voce della Satta, smascherata dalle Iene, e ha capito di essere finito in un grosso guaio, diventando anche lui vittima dei raggiri della donna.

In questo caso la donna si fingeva una modella chiamata Chloe Madison. Lo scopo era un altro. Nel primo caso era stato Cazzaniga a perdere la testa per la finta Maya, mentre in questo caso è stata la Satta a perdere la testa per Massimo, al punto di molestarlo telefonicamente e mandandogli regali e soldi in continuazione.

Maya riceveva i soldi a Cazzaniga e faceva regali a Massimo. “Mi ha comprato abiti, scarpe, regali ai miei nipoti tra cui una Nintendo Switch, giocattoli, un iPad, un’infinità di fiori.

A un mio amico ha regalato dei guantoni e un pantalone per fare boxe” ha dichiarato l’uomo. “Sicuramente i soldi regalati a me erano i soldi rubati al povero Roberto” ha aggiunto. “Se sapeva che ero a cena in qualche posto telefonava e io mi trovavo il conto pagato. Una volta mi ha regalato anche una stella vera e propria, con tanto di nome, con il certificato e tutto. Voleva comprarmi anche una macchina, di circa 80-100 mila euro per quando avremmo avuto figli e una famiglia numerosa” ha raccontato Massimo. 

Cazzaniga, come la fidanzata spendeva i soldi rubati: “L’ho conosciuta sui social”

Tutto è iniziato sulla falsa riga dell’inganno a Roberto Cazzaniga. “L’ho conosciuta tramite social, perché seguiva il mio profilo, poi abbiamo iniziato a chattare in privato. Mi ha commentato delle foto, abbiamo iniziato a scriverci. Si spacciava per un’altra ragazza, Chloe Madison, una modella benestante. Ha anche finto di essere stata vittima di violenza” ha raccontato Massimo. Tante bugie per ammaliare l’uomo. “Diceva che veniva da una famiglia molto ricca, spendere 100, 200 o 10 mila euro non era per lei un problema. Diceva di essere nipote di proprietari di catene di hotel, tra Italia e Londra, che l’altro nonno era a capo di una compagnia di porto navale a Genova, il padre era capitano dell’Onu e stava in Iraq” ha aggiunto.

Massimo ha raccontato che ogni giorno arrivavano dei regali in casa sua. “Quando le ho detto che volevo assolutamente vederla e non avrei più ricevuto regali da chi non conoscevo, ha inventato una serie infinite di scuse” ha aggiunto l’uomo. Massimo ha capito che qualcosa non tornava quando è arrivata una ricevuta a firma di Valeria Satta. L’uomo ha cercato di tagliare i ponti, dicendole che non ne voleva più sapere, ma lei ha iniziato a chiamare la madre di lui e mandare infiniti messaggi, fino ad arrivare a noleggiare un furgone con un messaggio per lui. “Perché rubare i soldi ad una persona per darli a me?” è la domanda che si è fatto Massimo

Contents.media
Ultima ora