×

Centomila persone eleggono la musica migliore e peggiore del decennio. Ecco vincitori e sconfitti secondo Rockol

Condividi su Facebook

Sono state oltre centomila le persone che hanno partecipato al referendum popolare proposto da “Rockol” per celebrare il meglio e il peggio di un decennio di musica. L’anno appena passato segna infatti la fine di un’era – nel bene o nel male – della musica internazionale e un bilancio andava fatto.

Ed è così che, per quanto riguarda la musica italiana a trionfare è Jovanotti. ll suo “Safari” viene eletto miglior album degli ultimi dieci anni.

Ad essere incoronata anche Elisa e la sua “Luce (tramonti a nord-est)” eletta miglior canzone. Il live preferito dai cybernauti di Rockol appartiene alle Amiche per l’Abruzzo, il maxi esercito di cantanti italiane riunite per la raccolta fondi dopo il terremoto di L’Aquila. La rivelazione di questi ultimi dieci anni è Tiziano Ferro mentre l’artista simbolo di questo decennio è Elio (storie tese comprese). La migliore cover è “Io canto” della Pausini mentre l’artista più cool e sexy sarebbe Marco Mengoni.

Dopo i trionfi ecco le note dolenti: Marco Carta incoronato “il grande bluff” del decennio e Omar Pedrini la più grande delusione. Assenti stranamente i Negramaro. Da segnalare anche il ritorno dei Litfiba definiti la “più grande resurrezione”

Sul fronte musica internazionale doppietta dei Coldplay che vengono incoronati artisti del decennio e piazzano la loro “Clock” come migliore canzone. I live migliori li avrebbe eseguiti Madonna (scherziamo?) e la rivelazione, manco a dirlo, sarebbe Lady GaGa.

Il migliore album è “American Idiot” dei Green day mentre la cover simbolo del decennio è Lady Marmalade di Pink, Aguilera, Lil’Kym e Maya. A furor di popolo la più sexy sarebbe quel gran pezzo di artista di Beyoncè mentre Amy Winehouse e i Tokio Hotel si mettono il cappello da asino e vengono definiti rispettivamente peggior delusione e grande bluff. I redivivi Take That vengono proclamati miglior resurrezione. Anche in questo caso non mancano i grandi assenti, Britney Spears in cima.

Nell’ultimo decennio è stato il personaggio più discusso, ha sfornato album come “Blackout” che ha segnato l’inizio di una nuova era musicale e ha ispirato decine di popstar che da quel lavoro hanno attinto inoltre si è meritata, nel bene o nel male, la definizione di principessa del pop.

Siete d’accordo con i risultati?


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Antonio Lbn
15 Gennaio 2011 16:09

Sono abbastanza d’accordo (sopratutto per quella Clock che altri non è se non proprio la mia preferita dei Coldplay)..certo, le assenze sono decisamente “importanti”!


Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.