Centrale Nucleare sui Colli - Notizie.it
Centrale Nucleare sui Colli
Bologna

Centrale Nucleare sui Colli


A Montecuccolino tra ciò che resta del reattore dell’Alma Mater.

Pietro Gessi ha oggi 67 anni, in maggio andrà in pensione, e più di metà della sua vita l’ha passata nel laboratorio di Montecuccolino, sui colli bolognesi, a studiare il comportamento delle barre d’uranio da inserire nella centrale “Cirene” di Latina, mai entrata in funzione. “Nessun pericolo – ripete l’ex direttore tecnico del laboratorio, avviato negli anni ’60 dalla scuola di specializzazione di Ingegneria nucleare dell’Alma Mater assieme a Cnen e Agip -. E qui da noi non c’è mai stato nessunissimo incidente. Poi, quando si parla di energia nucleare, bisogna stare molto attenti. Un conto è un reattore “di potenza”, com’è stato quello di Caorso, con una capacità di 1200 megawatt. Noi qui facevamo soltanto ricerca: 50 watt in tutto. Imparagonabile”.

Qui attorno però, fra le case dei vip, gli aneddoti si sprecano. C’è chi ricorda un docente universitario venuto ad abitare in via dei Colli anni fa, che prima di entrare in casa con la figlioletta ispezionò tutta la collina con un contatore geiger, a caccia di radiazioni.

“Non trovò niente – racconta una vicina – e a dir la verità nemmeno noi siamo preoccupati. Certo, sappiamo che questo è un “sito sensibile”, e in alcuni periodi “caldi” arrivano i carabinieri a fare la guardia. Ma io non ho paura”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.