×

Cerchi di pietra: i misteriosi segni dalla Siria all’Arabia Saudita

Il mistero dei Cerchi di Pietra dalla Siria all'Arabia Saudita, l'immensità di un paesaggio composto da strutture visibili solo dall'alto del cielo. Perché una civiltà a noi sconosciuta ha creato strutture circolari?

default featured image 3 1200x900 768x576

Tante sono le domande legate ai Cerchi di Pietra, la curiosità regna sovrana, dando spazio all’immaginazione oltre confine. La realtà è che ne esistono tantissimi, addirittura migliaia: la regione della Siria ne è piena e questi arrivano fino all’Arabia Saudita. Molti Cerchi di Pietra sono visibili solo sorvolando il cielo, e tanti sono quelli ancora sconosciuti all’uomo.

Cerchi di Pietra, il mistero del passato

I migliori archeologi reputano i “Cerchi di Pietra” come le Linee di Nazca presenti nel deserto del sud del Perù. Oggi con l’utilizzo sul campo di nuovi sistemi all’avanguardia, come la mappatura satellitare e le istantanee scattate dell’area in Giordania, nuovi studi si stanno concretizzando per capire il mistero legato ai Cerchi di Pietra. Il tutto fa pensare che le loro origini giungano da un passato a noi molto lontano dal sapere antico.

Cerchi di Pietra: lo studio dei disegni

Dallo studio sul campo è emerso che i disegni hanno una struttura circolare tanto che, gli archeologi, li hanno definiti “Ruote di Pietra”. Al momento ne sono stati esaminati migliaia, la caratteristica è rappresentata dalla diversificazione dei disegni. Gli studiosi hanno riscontrato un’unica particolarità: tutti i disegni esaminati hanno incorporato un cerchio contenente dei raggi il cui cuore è il centro.

Secondo quanto riportato da “Segreti e Misteri”, il coordinatore della ricerca, nonché professore di storia antica presso l’University Of Western Australia in un’intervista ha evidenziato:

“le strutture in pietra che stiamo osservando – spiega David Kennedy – in Giordania risultano molto più numerose, molto più grandi, in estensione e molto più antiche delle Linee di Nazca”.

Il professore Kennedy, pone in luce una varietà di cerchi facenti parte di strutture presenti su un territorio immenso, sia la loro forma che gli elementi da cui sono composti sono tutt’ora un mistero. Nulla sembra essere di un utilizzo reale o quantomeno è quello che appare ai nostri occhi.

cerchi di pietra

Cerchi di Pietra: il mistero nel mistero

Kennedy pone in luce l’evidenza che queste strutture così formate sarebbero rimaste nell’ignoto più profondo, se Google Earth e le fotografie aeree non le avessero portato alla luce.

“Per migliaia di anni – spiega il professore – carovane di uomini hanno camminato per questi territori senza rendersi mai conto dell’esistenza di queste strutture”.

Spetterà all’illustre professore coordinato con la propria equipe, capire perché esistono le “Ruote di Cerchio” e spiegarne le fasi della creazione, dell’utilizzo nonché del complesso dei fattori che hanno portato un popolo a costruire Cerchi di Pietra.

Tante sono le ipotesi formulate da vari geologi che parlano di strutture destinate come abitazioni antiche o per dei cimiteri. Il professore Kennedy non supporta tali teorie, perplesso e non convinto sulle ipotesi formulate dai suoi colleghi.

Il suo pensiero è diretto verso la scoperta di quelle tradizioni culturali, per le quali le persone che vi abitavano un centinaia di anni or sono, erano spinte a costruire strutture circolari. Tante sono le domande che devono essere ancora portate alla luce, dall’utilizzo delle strutture all’utilità delle stesse. Resterà da capire che fino ha fatto il popolo che le ha costruite, perché proprio l’utilizzo di cerchi.

Contents.media
Ultima ora