> > Cesare Battisti estradizione: 'Viaggio in Bolivia era un tranello'

Cesare Battisti estradizione: 'Viaggio in Bolivia era un tranello'

cesare battisti estradizione

Cesare Battisti estradizione ancora rinviata. Il Tribunale brasiliano ha deciso, senza un apparente motivo, di rinviare la sentenza sull'habeas corpus.

Cesare Battisti estradizione ancora rinviata per l’ex terrorista.

Il Tribunale Supremo Federale brasiliano ha deciso, senza un apparente e chiaro motivo, di rinviare la sentenza sull’habeas corpus richiesta dai legali di Battisti. Il giudice relatore, Luiz Fux, all’ultimo momento ha deciso di trasformare la questione sull’estradizione in un altro caso. Ovvero in una denuncia che lo stesso Cesare Battisti avanza contro il rinnovo della richiesta di estradizione. Ci sarà dunque un nuovo processo del quale, al momento, non si conosce la data.

Al momento l’ex terrorista risulta essere ancora libero di vivere la sua vita come se niente fosse mai accaduto. Emerge anche una nuova dichiarazione da parte dell’ex leader dei Proletari Armati per il Comunismo. Il viaggio in Bolivia era un tranello.

Cesare Battisti estradizione

Nella giornata di ieri il Tribunale Supremo Federale ha deciso di rimandare la sentenza sul caso Battisti. L’estradizione per il momento non avverrà.

Il motivo di questa decisione è ancora velato dal mistero. Soprattutto nel momento in cui il giudice Luiz Fux decide all’ultimo secondo di rinviare il processo in questione. Ma non è tutto. La questione di estradizione ora si trasforma in un nuovo caso, questa volta capitanato da Battisti. L’ex terrorista infatti ha denunciato la richiesta di rinnovo di estradizione fatta dai suoi connazionali. Dopo questo colpo di scena ora bisognerà attendere la data del nuovo processo.

Cesare Battisti Brasile

In questo momento quindi l’ex leader dei Proletari Armati per il Comunismo si trova ancora incolume in Brasile. L’uomo resta in libertà insieme alla compagna e al figlio di 4 anni. Battisti è l’unica fonte di sostentamento econonomico per la sua famiglia, motivo che probabilmente lo lega ancora di più nello stato brasiliano. Il Tribunale federale di San Paolo ha anche confermato la libertà per Battisti per quanto riguarda l’arresto subito dopo essere stato sopreso in Bolivia.

Viaggio in Bolivia: un tranello

L’ex terrorista dichiara alla stampa che il suo viaggio in Bolivia in realtà è stato organizzato appositamente per creargli dei grossi problemi. Le sue parole denunciano “quel qualcuno” che lo ha condotto di proposito alla frontiera. Cesare Battisti è sicuro che quel viaggio fosse pianificato a puntino da tempo. In Brasile lui è rispettato, accettato e voluto bene, non avrebbe avuto motivo di scappare in Bolivia. L’uomo continua ad aver fede nell’Alta Corte Brasiliana. E’ sicuro che in fondo la Corte sia dalla sua parte. Per quanto riguarda l’estradizione, l’Italia dovrà ancora aspettare.

Dichiarazioni di Battisti

L’uomo in un’intervista ai media brasiliani avanza alcune dichiarazioni che in un primo momento stupiscono. Cesare Battisti dichiara di avere una grande compassione nei confronti delle vittime. Ha una moglie, un figlio ed è anche nonno. Possiede anche lui una certa sensibilità anche se l’opinione pubblica non lo crede. I media, soprattutto quelli italiani, stanno costruendo un personaggio che non esiste, dice. Esplode anche una nuova dichiarazione che lascia di stucco. L’uomo dichiara che il figlio di Torregiani sa della sua innocenza. Battisti avrebbe una relazione con il figlio di Pierluigi Torregiani, il gioielliere rimasto ucciso negli anni di piombo. I due, a quanto dice l’ex terrorista, si sono scritti per anni. Cesare Battisti avrebbe anche aiutato Alberto Torregiani a scrivere un libro. Possiede inoltre delle lettere dello stesso Alberto che dichiarano testualmente l’innocenza di Battisti, almeno per quanto riguarda la morte del padre.

L’innocenza

A quanto emerge da queste ultime dichiarazioni di Battisti sembra che la vicenda si sia rigirata. L’ex terrorista vuole far credere che sia innocente. Tra le sue tante dichiarazioni aggiunge di essere andato via dal suo gruppo terroristico prima che inizassero gli omicidi. Tutto questo sarà vero?