×

Cgil, studio su Quota 102/104: “manovra inutile, solo 10mila uscite”

La Cgil ha presentato uno studio nel quale stima gli effetti di Quota 102 e 104 nel prossimo biennio, evidenziandone i limiti.

pensioni cgil

La Cgil – Confederazione Generale Italiana del Lavoro – ha svolto uno studio sulla nuova ipotesi inerente al sistema pensionistico che verrà inserita del Documento programmatico di bilancio.

Cgil, studio su quota 102/104: cosa contiene il Dpb

Giusto poche ore fa è stata approvata in sede di Consiglio dei Ministri il Documento programmatico di bilancio (Dpb) da inviare a Bruxelles, e tra i punti salienti toccati – oltre al rdc e al taglio delle tasse – vi è anche l’ipotesi di ridimensionamento del sistema pensionistico.

In particolare, dal 2022 potremmo quindi assistere ad un superamento dell’attuale Quota 100, per far spazio a Quota 102 – un meccanismo che consentirebbe di andare in pensione con 64 anni di età e 38 di contributi – prima, e dal 2024 Quota 104.

Cgil, studio su quota 102/104: una manovra inutile

Lo studio effettuato dal sindacato sulle imminenti Quota 102/104 non lascia spazio ad interpretazioni: la stima dei risultati è ricavata proiettando nel prossimo biennio i dati relativi a chi ha usufruito finora di Quota 100, e assumendo i nuovi vincoli anagrafici previsti dalla nuova norma: 64 con Quota 102 e 66 anni con Quota 104.

Conti alla mano, sarebbero solo 8.524 le persone coinvolte nel 2022 e 1.924 nel 2023. Il motivo nasce dal fatto che molti dei soggetti che potrebbero perfezionare Quota 102 nel 2022 e Quota 104 nel 2024, avranno già il maturato il requisito di Quota 100 entro il 31 dicembre 2021.

Cgil, studio su quota 102/104: le parole di Matteo Salvini

Sulla faccenda si è espresso anche il leader della Lega, Matteo Salvini, intervistato appena fuori dall’aula bunker del Pagliarelli, a Palermo, dove nelle scorse ore si è svolto il primo atto del processo “Open Arms”, che vede coinvolto proprio l’ex premier:

«A me non interessa la forma ma la sostanza, ho scritto mentre ero in aula al presidente Draghi perché sentivo robe strane. Sono a disposizione per incontrarlo quando vuole anche domani. Sarebbe un errore rifinanziare il reddito di cittadinanza e tagliare le pensioni». 

Contents.media
Ultima ora