Che cos'è la Guerra dei Sei Giorni - Notizie.it
Che cos’è la Guerra dei Sei Giorni
Guide

Che cos’è la Guerra dei Sei Giorni

Si definisce in ambito storico “Guerra dei sei giorni” il conflitto causa di gran parte delle confusa e drammatica situazione geopolitica dei paesi islamici, e in particolar modo del territorio noto come “striscia di Gaza”.

Il conflitto si svolse tra il 5 e il 10 giugno del 1967, le parti che entrarono in conflitto furono Israele da una parte, che risultò vittoriosa, e Egitto, Siria e Giordania dall’altra.

La guerra si scatenò per opera dell’allora presidente egiziano Nasser, che veniva aspramente criticato dal re di Giordania per il suo eccessivo affidamento nei confronti dell’UNEF, ovvero la forza di Emergenza delle Nazioni Unite che erano state dislocate in Egitto nel 1956, dopo la crisi di Suez.

Quando Nasser ricevette un falso dispaccio, secondo cui Israele stava ammassando le sue truppe, decise di cacciare l’UNEF per occuparne le posizioni lungo il confine israeliano, chiudendo gli stretti di Tiran ad Israele.

Israele allora iniziò le ostilità il 4 giugno con l’Operazione detta Focus, un attacco aereo a sorpresa.

In capo a pochi giorni, riuscì a conquistare la penisola del Sinai e la striscia di Gaza all’Egitto, la Cisgiordania e Gerusalemme Est alla Giordania, e le alture del Golan alla Siria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*