Che cos'è lo spotting a metà ciclo?
Che cos’è lo spotting a metà ciclo?
Wellness

Che cos’è lo spotting a metà ciclo?

Lo spotting è un termine che indica leggere perdite ematiche tra due mestruazioni. E' opportuno conoscerne le cause per capirne le motivazioni. Sebbene siano piuttosto varie, proviamo ad analizzarne alcune.

Lo spotting a metà ciclo è un fenomeno che indica un leggero sanguinamento al di fuori del ciclo mestruale. Questa piccola emorragia uterina ha solitamente un colore più marroncino rispetto al rosso intenso della mestruazione vera e propria e può verificarsi in diversi momenti nel mese. Quando lo spotting coincide con l’ovulazione, quindi intorno al quattordicesimo giorno di un ciclo medio di 28 giorni, può avere significati particolari.

Cause dello spotting a metà ciclo

Le cause dello spotting ovulatorio possono essere diverse, alcune facilmente identificabili, altre più casuali. Studiare il comportamento del proprio corpo e ascoltare le proprie necessità può essere un punto di partenza in caso di stanchezza o eccessivo squilibrio nella propria alimentazione. Vediamo quali possono essere alcune delle cause alla base dello spotting a metà ciclo.

Contraccettivi ormonali

Lo spotting può essere normale e non necessariamente indicativo di un problema più serio. L’assunzione della pillola contraccettiva, alcune creme estrogene e alcuni dispositivi intrauterini (IUD), per esempio, possono causare fenomeni di spotting soprattutto nei primi mesi di utilizzo.

L’alterazione dei livelli di estrogeni e progestinici, infatti, è molto spesso causa di piccole emorragie, assolutamente normali.

Cause ambientali

Un’altra possibile causa di spotting è legata a disturbi del comportamento alimentare. Anemia o bulimia, ma anche cattive abitudini più generali in fatto di dieta possono creare scompensi. Il ciclo mestruale, è molto sensibile alle carenze alimentari e si regola di conseguenza. Come la dieta incide sul corpo femminile, allo stesso modo lo stress e la stanchezza possono causare irregolarità mestruali e avere effetti sulle perdite antecedenti le mestruazioni.

Altre cause

Uno spotting che coincide con il periodo di ovulazione potrebbe avere cause legate a scompensi ormonali o ad alterazioni del funzionamento delle ovaie. In questo caso, il consiglio migliore è sicuramente quello di consultare il proprio ginecologo che, una volta individuato il problema, potrà consigliarvi il trattamento da seguire.

Ciò che spotting non è

Nonostante possano essere confuse con lo spotting, alcune perdite sono in realtà da riferire a una nuova gravidanza.

Quando l’ovulo si impianta nell’endometrio, infatti, può verificarsi una piccola emorragia dovuta alla rottura di qualche capillare.

Come prevenire lo spotting

Alcuni comportamenti possono aiutare nella prevenzione dello spotting. Stress e stanchezza possono essere alleviati conducendo una vita fisicamente attiva. Fare sport con regolarità distrae mente e corpo dalle preoccupazioni quotidiane. La dieta, ancora una volta, gioca un ruolo fondamentale. Un’alimentazione equilibrata, ricca di frutta, verdura, fibre e proteine, aiuta a riequilibrare il corpo e a rinvigorirlo. È bene ridurre al minimo gli zuccheri.

Sebbene lo spotting non sia generalmente un fenomeno preoccupante, una visita ginecologica di controllo è sempre la migliore delle soluzioni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche