Chi sono i valdesi - Notizie.it
Chi sono i valdesi
Attualità

Chi sono i valdesi

I valdesi fanno parte della grande famiglia del Cristianesimo. Il loro nome e la loro dottrina derivano dal fondatore, un mercante lionese del XII secolo di nome Valdo (Valdesio, secondo altri fonti). Secondo la tradizione, Valdo, verso il 1176, colpito dalla frase di Gesù al ricco “se vuoi essere perfetto, vendi ciò che hai e dallo ai poveri e avrai un tesoro nei cieli, poi vieni e seguimi”, cedette le sue ricchezze alla moglie e al popolo, per poi predicare la povertà tra le classi più umili, diffondendo il Vangelo nella traduzione in francese, quindi contro i precetti della Chiesa dell’epoca. Si formò una comunità di seguaci (i Poveri di Cristo o Poveri di Lione) che cominciò a predicare nella campagna e nelle città. Entrato in conflitto con il vescovo locale, Valdo fu espulso dalla diocesi di Lione (1177) e con lui la sua comunità. Nel 1184 i valdesi furono bollati come eretici, sebbene essi non cercassero di mettersi contro la Chiesa.

L’idea fondamentale infatti era tutti potessero predicare, anche i laici, ma non c’era volontà di rompere con Roma. Predicavano la povertà e l’astensione dal lavoro; vivevano d’elemosina; condannavano la menzogna, il giuramento e ogni forma di giudizio; praticavano la continenza. Nei secoli successivi, nonostante le persecuzioni, i valdesi misero a punto una loro dottrina: uguaglianza di tutti i fedeli; sacerdozio fondato sul merito e affidato a tutti, uomini e donne; rifiuto dei sacramenti impartiti dagli ecclesiastici; confessione reciproca; negazione della transustanziazione e della validità della messa; rifiuto del culto dei santi e della preghiera per i defunti come pure del Purgatorio. Il 17 febbraio 1848 il re di Sardegna Carlo Alberto diede finalmente libertà di culto ai valdesi. La chiesa valdese non ha una struttura gerarchica: i pastori e i membri laici eletti dalle chiese formano il Sinodo, che al suo interno elegge la Tavola, formata da un moderatore, che funge da presidente, da pastori e da laici.

Nella visita di stamane al Tempio Valdese di Torino Papa Francesco ha chiesto perdono ai valdesi “per gli atteggiamenti e i comportamenti non cristiani, persino non umani che, nella storia, abbiamo avuto contro di voi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche