Chi Vincerà l'Oscar per la Migliore Fotografia? - Notizie.it
Chi Vincerà l’Oscar per la Migliore Fotografia?
Fotografia

Chi Vincerà l’Oscar per la Migliore Fotografia?

Per essere un film sul tema di crescere, “L’albero della vita” di Terrence Malick genera reazioni abbastanza contrastanti. C’è chi ne resta coinvolto e chi lo considera pretenzioso. Ma su una cosa sono tutti d’accordo: la magnifica fotografia di Emmanuel Lubezki. Dopo questa quinta nomination all’Oscar per la migliore fotografia, la domanda che tutti si fanno è – ce la farà Will Lubezky ad ottenere finalmente ciò che merita? –

Sembrava che Lubezky avesse l’Oscar in tasca già nel 2007, quando ebbe la nomination per il suo rivoluzionario lavoro in “I figli degli Uomini”. Ma, a sorpresa (Lubezki aveva già vinto il prestigioso American Society of Cinematographers award per la migliore fotografia) lo vinse Guillermo Navarro per “Il labirinto del fauno”.

Questi schiaffi non sono insoliti nella categoria fotografica. Roger Deakins, collaboratore di lunga data dei fratelli Coen, è stato nominato per un Oscar ben nove volte, ma non l’ha mai vinto.

E come in molte categorie degli Oscar, una commedia non vince quasi mai per la migliore fotografia. Ma perchè questa categoria è così incline ai voltafaccia? Per scoprirlo dobbiamo guardare alla discrepanza che c’è tra i votanti dell’Accademy e ciò che i direttori della fotografia considerano buona fotografia.

Il lavoro del direttore della fotografia

L’operatore di macchina David E. Elkins offre un esaustivo riepilogo di quello che fa un direttore di fotografia: “Il [Direttore della Fotografia] è la testa di tutto il dipartimento tecnico di una troupe cinematografica ed è responsabile di come il copione scritto sia tradotto in immagini visive basate sulla richiesta del direttore”.

La definizione “fotografa” perfettamente la duplice posizione, sia tecnica che artistica, del direttore della fotografia. Gli spettatori possono essere stati sorpresi quando “Avatar” ha vinto per la migliore fotografia, ma la sua tecnologia 3-D è stata rivoluzianaria in quel momento. In “I figli degli uomini” Lubezki e la sua troupe hanno dovuto inventare un’attrezzatura completamente nuova per la famosa scena dell’agguato.

Leggendo l’intervista a Lubezki, si nota come questi era in perfetta sincronia con la visione di Terrence Malick ne “L’albero della vita”. Il direttore della fotografia aveva stabilito a priori una serie di parametri artistici, come girare con la luce naturale ed evitare gli zoom.

Mentre girava si assicurò di avere tre fotocamere a portata di mano, nel caso Malick volesse rapidamente strappare uno scatto. Il film appare organico, come una serie di fortunati incidenti, ma è stata necessaria molta programmazione per ottenere quel risultato.

Come vota l’Academy

Il voto dell’Academy è un procedimento complicato, ma di seguito c’è la spiegazione in soldoni. Ogni specializzazione nomina i propri candidati. Gli editori nominano gli editori, gli attori nominano gli attori, ed i direttori di fotografia nominano i direttori di fotografia. A gennaio, una volta rilasciate le nominantions, il processo diventa aperto a tutti. A questo punto tutti i 6.000 membri dell’Academy possono votare per le nominations di ogni categoria.

Sebbene la fotografia de “Il labirinto del fauno” fosse eccellente, probabilmente i membri dell’Academy hanno confuso la sua magistrale direzione artistica con un’esemplare fotografia. Hanno notato la sua splendida visione senza considerare come lavorassero bene la cinepresa e e la luce.

I film gradevoli a prima vista, (come “le memorie di una geisha” dell’anno precedente) tendono a vincere l’Oscar per la migliore fotografia. “I figli degli uomini” è un film di effetto, ma non appare gradevole, almeno non nel senso tradizionale.

Fortunatamente per Lubezki, “L’albero della vita” è di per sè un bel film. Potrebbe finalmente portare a casa il ben meritato Oscar.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche