Chiara Bordi insultata: "Ti votano perché sei storpia"
Chiara Bordi insultata: “Ti votano perché sei storpia”
Attualità

Chiara Bordi insultata: “Ti votano perché sei storpia”

Chiara Bordi risponde agli hater
Chiara Bordi risponde agli hater

Il suo obiettivo non è la vittoria, ma dimostrare che anche per una ragazza senza un piede la vita può essere bella e appagante.

A me mancherà un piede, ma a lei cuore e cervello“. Con queste parole Chiara Bordi, aspirante Miss Italia, ha risposto alle parole di una hater che sui social l’ha invitata a ritirarsi dal concorso. La 18enne di Tarquinia sarà la prima a salire su quel palco con una protesi alla gamba. “Fai schifo vattene a casa, ti votano perché sei storpia” si legge tra i commenti al post su Facebook con cui la sorella di Chiara la incoraggia e chiede a tutti i conoscenti di votare per lei.

La risposta di Chiara

Chiara Bordi ha risposto personalmente alla signora Mirella, autrice degli insulti, assicurando che il suo commento le “scivola completamente addosso”. “Dietro tutta questa cattiveria si nasconde frustrazione e insoddisfazione personale di gente che, invece di lottare contro i lati negativi della propria vita e cambiarli, preferisce cercare di scoraggiare gli altri e portarli al loro stesso livello. È molto più facile stare dietro a un computer a insultare i traguardi altrui che alzarsi e combattere contro la vita, per poi godersela”.

Una foto dal profilo Instagram di Chiara

Chiara sa cosa significa lottare duramente da quando, il 6 giugno 2013, ha dovuto imparare a convivere con una gamba amputata in seguito a un terribile incidente in moto.

Se oggi sale sul palco di Miss Italia, spiega nel commento, non lo fa per impietosire ma per trasmettere un messaggio: “Guardatemi, mi manca un piede ma non ho paura di mostrarmi al mondo. Cosa che molte persone purtroppo non fanno perché già fragili e impauriti da commenti di persone come la nostra Mirella”. A lei di vincere “non interessa niente, tantomeno di fare pena”. Ciò che importa è solo “mostrare alle persone ottuse che una ragazza senza un arto può gareggiare al pari di tutte, che la diversità non è vincolante, che la vita non si interrompe mai ed è sempre bella, anche quando sembra che ce l’abbia con te”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 562 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.