×

Chiara Gualzetti, chi era la 16enne scomparsa e trovata morta Monteveglio in Valsamoggia

Chiara Gualzetti era una sedicenne come molte altre, trovata però barbaramente uccisa. Quasi sicuramente un altro caso di femminicidio

Notizie sedicenne uccisa

Chiara Gualzetti è stata trovata morta a Monteveglio, nella Valsamoggia, in Emilia Romagna, nel pomeriggio del 28 giugno. Il caso, subito reputato un omicidio, è probabilmente un femminicidio, visto che è stato fermato un sedicenne, accusato di aver ucciso la sua coetanea. Scopriamo qualcosa in più su questo omicidio.

Chiara Gualzetti: chi era?

Chiara Gualzetti era una classica ragazza di sedici anni, la tipica adolescente con la passione per i social networks.

I suoi preferiti erano Instagram e TikTok, dove, tra un video e una foto, condivideva le sue giornate, raccontando anche cosa le piaceva, le sue amicizie, i primi amori, ma anche le difficoltà dell’adolescenza, gli errori che aveva fatto e le bugie che le erano state dette.

Chiara aveva anche una passione per le rievocazioni storiche, che coltivava grazie al gruppo degli “Arcieri del Melograno”.

Chiara Gualzetti: la famiglia

Chiara abitava a Monteveglio, non molto lontano da Bologna, in una zona di campagna molto frequentata nel fine settimana grazie alla presenza di un grande numero di sentieri adatti alle camminate.

La sua era una famiglia unita: figlia unica, viveva in una villetta con i genitori e il cane, con cui la si vedeva spesso fare delle lunghe passeggiate in paese, mentre l’amato gatto è morto solo qualche mese fa, lasciando la ragazza nella disperazione.

Chiara Gualzetti: l’omicidio

Chiara era uscita di casa domenica mattina per una passeggiata, probabilmente in compagnia di un amico.

La ragazza, però, non ha mai fatto ritorno a casa e i genitori Vincenzo e Giusi, preoccupati dell’assenza della figlia, hanno immediatamente informato i carabinieri della sua scomparsa, i quali si sono subito mobilitati e hanno fatto partire le ricerche.

Molti sono stati gli uomini e i cani che si sono impegnati nella ricerca di Chiara, ma la speranza si è tramutata in sconforto intorno alle 16 di lunedì 28 giugno.

Il corpo senza vita di Chiara è stato infatti trovato non molto lontano dalla casa in cui abitava la ragazza, e presentava un grande numero di tagli e di abrasioni, che hanno quasi sicuramente causato il decesso dell’adolescente.

I genitori di Chiara, seppur sofferenti a causa della notizia della morte della figlia, hanno voluto ringraziare pubblicamente le forze dell’ordine per le ricerche che hanno svolto per tentare di salvare Chiara.

Chiara Gualzetti: il sospettato per l’omicidio

Un amico e coetaneo di Chiara è stato fermato poco dopo il ritrovamento del cadevere della ragazza, accusato di essere lui il colpevole dell’uccisione dell’adolescente.

Il sedicenne è stato probabilmente l’ultimo ad averla vista viva, il ragazzo con cui Chiara era uscita domenica mattina per fare una passeggiata.

Secondo le parole del suo avvocato, il giovane è sconvolto ma si mette a piena disposizione degli inquirenti.

Da quanto emerso dal lungo interrogatorio, il ragazzo ha ammesso di averla uccisa, ma solo su insistenza di Chiara che, secondo il sospettato, aveva deciso di mettere fine alla sua vita.

Le indagini sono comunque ancora in pieno svolgimento.

Contents.media
Ultima ora