×

Chico Forti verso il trasferimento in Italia, la Farnesina: “Avviati i contatti con gli Usa”

Chico Forti sta scontando una pena da oltre 20 anni per l’omicidio del quale si è sempre dichiarato innocente: la novità annunciata da Alfonso Signorini.

Chico Forti

Novità importanti sulla vicenda di Chico Forti annunciate durante la trasmissione del Grande Fratello Vip. Il conduttore Alfonso Signorini ha dichiarato che la Farnesina avrebbe inviato una nota sul caso dell’uomo, nonché una sua lettera.  

Chico Forti, cosa è accaduto durante il Grande Fratello Vip: il ruolo di Jo Squillo 

Alfonso Signorini è intervenuto durante la trasmissione in onda su Canale 5 per parlare della vicenda di Chico Forti e della richiesta formulata giorni fa da Jo Squillo. La partecipante allo show televisivo aveva chiesto aggiornamenti sul caso dell’uomo e al contempo iniziato lo sciopero della fame in attesa di notizie positive. “Jo Squillo ancora non lo sa: ci è arrivata una nota della Farnesina, sollecitata da noi, sulla situazione di Chico Forti.

E addirittura, lo stesso Chico Forti dal suo luogo di detenzione ha scritto una mail a me e a Jo“, commenta Signorini durante la trasmissione.

Chico Forti, cosa è accaduto durante il Grande Fratello Vip: altri dettagli 

Lo sciopero della fame deciso da Jo Squillo era partito venerdì 15 ottobre 2021. Chico Forti è un uomo di 62 anni ex produttore televisivo detenuto dal 2000 negli Stati Uniti per una condanna all’ergastolo a causa dell’omicidio di Dale Pike.

L’uomo morì a febbraio 1998 proprio prima di cedere il Pikes Hotel di Ibiza proprio a Forti. Pikes fu trovato senza vita sulla spiaggia di Sewer Beach (Miami). 

Chico Forti, cosa è accaduto durante il Grande Fratello Vip: la storia

Nel 2000 arrivò la condanna all’ergastolo per l’uomo che si è professato innocente. “Non conoscevo Dale, non avevo alcun motivo per eliminarlo“, ha sempre dichiarato Chico Forti. Nel frattempo la Farnesina sarebbe a lavoro per chiarimenti sul caso e sul conseguente trasferimento dell’uomo in Italia.

Contents.media
Ultima ora