Cheratina, quali sono i cibi che la contengono? - Notizie.it
Cheratina, quali sono i cibi che la contengono?
Style

Cheratina, quali sono i cibi che la contengono?

cheratina
cheratina

La cheratina è il costituente principale di unghie e capelli. Ecco quali sono i cibi che ne garantiscono la produzione da parte dell'organismo.

La cheratina è una proteina filamentosa presente nei capelli, nei peli, nella pelle e nelle unghie. Un mancanza di cheratina nel corpo può provocare quindi un indebolimento dei capelli, una secchezza dell’epidermide e una crescita rallentata delle unghie. È quindi importante assicurarsi di consumare cibi che contengono questa proteina, in modo da permettere al corpo di assimilarla e stimolarlo a produrla. Alcuni cibi sono particolarmente ricchi di cheratina, si tratta principalmente di alimenti ad alto contenuto proteico.

In quali cibi si trova la cheratina

La cheratina è una proteina composta da legami molto stretti, che garantiscono la resistenza e la solidità di capelli, peli e unghie nel corpo umano. Esistono alcuni trattamenti alla cheratina che aumentano lucentezza e solidità dei capelli. Anche nel mondo animale questa proteina è un elemento costitutivo importante: è presente negli zoccoli di molti mammiferi, nelle setole dei maiali, nelle piume degli uccelli ecc.

Per assicurarsi di consumare alimenti ricchi di cheratina o che ne stimolino la produzione all’interno dell’organismo, è importante conoscere in quali cibi è presente in grande quantità.

Se non si è abituati a consumare alimenti che aumentino la sua produzione non ci si deve aspettare risultati immediati nell’aumento della resistenza di capelli e unghie. Il processo di produzione di cheratina infatti non è immediato, ma graduale, bisognerà quindi aspettare alcuni mesi prima di notare i benefici dell’aumento di tale proteina nel corpo.

Una dieta ricca di cheratina

I principali alimenti che contengono un’alta quantità di tale proteina o che comunque ne stimolano la produzione sono alimenti ad alto contenuto proteico, o ricchi di vitamine o ferro.

Molti tipi di frutta e verdura che contengono vitamina C sono utili alla produzione di cheratina nel corpo. In particolar modo gli agrumi, i peperoni, gli spinaci, le zucchine o i cavoletti di Bruxelles. Anche la vitamina B7 è in grado di ottenere tale risultato; questa vitamina è contenuta in verdure come i cavoli, i cavolfiori, i broccoli o in altri alimenti come gli agrumi, i cereali integrali, i tuorli d’uovo, le noci e le banane.

Le carni sono di fondamentale importanza per la produzione di cheratina: l’alto contenuto proteico e ferroso garantisce infatti l’assunzione dei nutrienti necessari alla sua produzione.

Si consiglia quindi di consumare carni bianche (anche le carni rosse possono andare bene, ma è importante assicurasi che non siano eccessivamente grasse), pesce, reni e fegato animali ma anche latticini poveri di grassi come yogurt e alcuni tipi di formaggi.

Lo zolfo è un minerale ricco di cheratina, quindi anche i cibi ricchi di zolfo sono utili alla sua produzione, come uova, legumi (soprattutto fagioli). Anche la gelatina, costituita da collagene animale, è estremamente utile alla produzione di tale proteina.

Migliori prodotti a base di Cheratina

Ricordiamo che su Amazon si possono trovare numerosi prodotti a base di Cheratina, come integratori e altri rimedi. Per chi fosse interessato, vi segnaliamo i 2 migliori ( e i più venduti) prodotti a base di cheratina presenti sul noto e-commerce.

Al primissimo posto, il prodotto più amato sulla cheratina: AmazonLiss Kit di Cheratina Brasiliana senza formaleide. Questo innovativo kit riesce in tempi brevi a mantenere i capelli lisci, dritti, lucidi e resistenti con una massima stiratura (3-4 mesi) .

Questo prodotto, secondo vari test, è adatto a tutti i tipi di capelli e si basa su prodotti 100% naturali

Infine vogliamo segnalarvi un secondo kit di cheratina Brasiliana lisciante senza formaleide. Questo specifico kit contiene uno shampoo specifico e una maschera per mantenere i capelli in buona salute, idratati e proteggerli dai danni termici dovuti all’asciugatura.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche