×

Ciciliano (Cts): “Le prossime chiusure dovranno essere solo per i non vaccinati”

Secondo lo scienziato del Cts Fabio Ciciliano le eventuali chiusure autunnali dovranno colpire solo i cittadini non vaccinati.

Ciciliano riaperture

Il medico membro del Comitato tecnico-scientifico Fabio Ciciliano ha proposto di limitare eventuali chiusure che si dovessero rendere necessarie in autunno ai non vaccinati o comunque a chi non possiede il green pass, “altrimenti la stragrande maggioranza degli italiani che si è vaccinata non capirebbe perché deve continuare a rinunciare alla propria libertà a causa di una minoranza“.

Ciciliano sulle chiusure per i non vaccinati

Intervistato dal Messaggero, l’esperto si è inizialmente espresso sull’utilizzo del certificato verde che secondo lui dovrebbe essere estero il più possibile sulla base della condizione epidemiologica del paese e della copertura vaccinale della popolazione. Ha poi evidenziato che nelle ultime settimane, nella fascia di età 12-39 anni, è stato registrato un vero e proprio boom delle vaccinazioni e che dunque nelle prossime, con il completamento del ciclo vaccinale, più di 2/3 dei ragazzi saranno immunizzati.

Gli adulti dovrebbero imparare ad essere responsabili come i nostri giovani“, ha aggiunto.

Ciciliano sulle chiusure per i non vaccinati: “Possibile aumento casi in autunno”

Quanto all’ipotesi di un aumento dei casi positivi dopo l’estate, Ciciliano l’ha ritenuta possibile e ha dichiarato che se si dovrà ricorrere a nuove chiusure, queste dovranno essere limitate a chi non si è vaccinato. Se infatti nessun vaccino è perfetto e il virus potrà, in bassissima percentuale, infettare anche chi ha ricevuto la doppia iniezione, dal prossimo autunno secondo lui vivremo un’epidemia riservata ai non vaccinati: “Saranno soprattutto loro a contagiarsi e a finire in ospedale e morire, come già dimostrano oggi i numeri dell’Istituto superiore di sanità”.

Di qui la sua proposta di destinare soltanto a loro eventuali restrizioni che il governo si troverà a mettere in campo.

Ciciliano sulle chiusure per i non vaccinati: le manifestazioni

A chi gli ha chiesto se teme le manifestazioni, con toni anche forti, della minoranza no vax, ha affermato che tutti hanno il diritto di manifestare ma ogni giorno che passa diventeranno un campione sempre meno rappresentativo perché il numero dei vaccinati cresce costantemente.

I ristoranti che non chiederanno il green pass poi, oltre a violare la legge perderanno frequentatori perché inevitabilmente ci sarà la certezza che all’interno di quei locali ci saranno soprattutto clienti non vaccinati e, dunque, con una più alta percentuale di possibilità di trasmettere il virus. “Chi me lo fa fare di rinchiudermi nella stessa stanza con loro e rischiare?“, ha concluso.

Contents.media
Ultima ora