Ciclismo, il belga Jeroen Goeleven trovato morto come Astori
Ciclismo, il belga Jeroen Goeleven trovato morto come Astori
Sport

Ciclismo, il belga Jeroen Goeleven trovato morto come Astori

jeroen goeleven

Il padre dell'atleta ha fatto la tremenda scoperta. Il ciclista è morto a soli 25 anni, non sembrano esserci segni di suicidio.

Terribile tragedia nel mondo del ciclismo. Il corridore belga Jeroen Goeleven, 25 anni, è stato trovato morto nella sua camera. A fare la terribile scoperta è stato il padre. La morte del povero Jeroen Goeleven è alquanto misteriosa e difficilmente spiegabile. Le autorità hanno quindi deciso di aprire un’indagine. L’ipotesi del suicidio sembra essere molto poco attendibile. Probabile che si sia trattato, purtroppo, di una tremenda fatalità, un po’ come accaduto al nostro sfortunato Davide Astori.

Jeroen Goeleven morte

Lo sport si ritrova a piangere la morte di una altro bravo atleta. Jeroen Goeleven è stato trovato senza vita dal padre Danny. La notizia si è subito diffusa, in particolare tra i media dell’Olanda e del Belgio. Il ragazzo aveva solamente 25 anni, e il suo decesso è avvolto nel mistero. Le forze dell’ordine locali stanno indagando per far luce su questo caso. Non sembra plausibile l’ipotesi del suicidio. Probabile che si sia trattato di un malore, nonostante la giovane età.

Il caso ricorda tristemente quello dello sfortunato Davide Astori, difensore e capitano della Fiorentina deceduto lo scorso 4 marzo.

Jeroen Goeleven aveva gareggiato per due anni nella categoria Continental, per poi tornare tra gli amatori. Soltanto pochi giorni fa, il ciclista 25enne era riuscito a vincere il titolo di Limburgo a cronometro. Danny Goeleven ha scritto su Facebook: “La nostra famiglia è distrutta, ho trovato nostro figlio nella sua stanza senza vita, è incomprensibile, siamo in profondo lutto”.

Precedenti

Purtroppo Jeroen Goeleven non è l’unico atleta che ci lascia prematuramente in questo periodo. Solamente pochi giorni dopo la morte di Davide Astori, il 9 marzo è morto un altro calciatore. Si tratta del 19enne Thomas Rodriguez. Il giovanissimo è morto nel sonno, molto probabilmente a causa di un arresto cardiaco. Il ragazzo è stato trovato senza vita dal compagno di stanza presso il centro di formazione del Tours. Il compagno ha chiamato immediatamente il guardiano notturno del club. Purtroppo, si è potuto soltanto comunicare la drammatica notizia.
Su richiesta della società, che milita nella Ligue 2 transalpina, la partita della serie B transalpina tra Tours e Valenciennes, che era programmata per il 9 marzo 2018, è stata rinviata. Un minuto di silenzio è stato poi osservato nelle altre partite di Ligue 1 e Ligue 2 in programma nel successivo weekend.

Vicino a Padova, Hamza Briniss, un ragazzino di 16 anni di origini magrebine, è stato trovato senza vita nella sua abitazione a Vigonovo. L’adolescente militava nella squadra Allievi del Saonara Villanova.
A dare l’allarme sono stati i genitori del ragazzino, che hanno trovato il figlio teso sul pavimento nella sua stanza. Nonostante i soccorsi tempestivi, per il ragazzo non c’era più nessuna speranza. I paramedici non hanno potuto fare altro che comunicare la morte del poveretto. Hamza Briniss soffriva di asma, e assumeva per questo dei medicinali. Ciononostante, sembra che la causa della sua fine non sia abbinata alle problematiche respiratorie dell’adolescente. Come è stato rivelato dall’autopsia, infatti, la morte sarebbe stata determinata da un’aritmia maligna.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche