×

I cinque migliori film al cinema che forse vi siete persi nel 2016

default featured image 3 1200x900 768x576

In totale sono cinque e contano due film d’animazione, un horror, una storia d’amore e un documentario. Pellicole del 2016 passati quasi inosservate.

Si tratta di lungometraggi di valore e che meritano di essere visti per la loro eccellente qualità.

Film giunti in Italia di soppiatto, senza far rumore. Alcuni di loro sono rimasti nelle sale troppo poco per essere apprezzati. Alcuni sono usciti molto tempo dopo essere stati presentati all’interno di festival cinematografici. Altri, sono stati vittima di ingiustificate discriminazioni.

Anomalisa” è un film d’animazione, una storia di pupazzi che parlano agli adulti. Il protagonista è Micheal Stone, che è affetto da fregolismo. È un’allegoria di un’esistenza che preclude il futuro di coloro che sono intrappolati nei meccanismi seriali della civiltà capitalistica.

Dentro l’inferno“, diretto da Werner Herzog, ci conduce, grazie al vulcanologo Clive Oppenheimer, nelle profondità inquiete della terra. Dentro i vulcani. È un viaggio geologico e antropologico, tra mito e scienza. Dall’Islanda alla Corea del Nord, Herzog e Oppenheimer ci parlano dei luoghi e delle persone che li vivono. Il documentario, sebbene presentato al Festival del Cinema Di Roma, non è stato mai distribuito nelle sale cinematografiche.

It Follows” è arrivato in Italia a luglio.

È un horror concettuale che tratta di una essenza oscura che si trasmette per via sessuale. Una malattia? Una maledizione? Impossibile non restarne impressionati. Puro orrore.

Louise en Hiver“, altro film d’animazione, è scritto e diretto da Jean-François Laquionie. Racconta la storia di Louise, l’anziana signora che ama passare le vacanze nella località balneare di Biligen ma che perde l’ultimo treno per tornare a casa. L’alta marea blocca tutte le vie di comunicazione e la signora si vede costretta a trascorrere un intero anno in quel luogo ormai spopolato dall’inverno. Una pellicola delicata, in precario equilibrio tra sogno e metafora dell’esistenza, che indaga l’animo del personaggio.

Weekend“, del regista Andrew Haigh, è uscito in Italia il 10 marzo. La trama è incentrata su un amore omosessuale. Sebbene la critica l’abbia accolto entusiasta, al distributore è stato concesso di proiettarlo solo in dieci sale in tutta Italia. Il motivo è che il film è stato giudicato scabroso dalla Commissione Nazionale Valutazione Film.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora