Codardi! A scrutinio segreto passa l'emendamento sul carcere per i giornalisti - Notizie.it
Codardi! A scrutinio segreto passa l’emendamento sul carcere per i giornalisti
Politica

Codardi! A scrutinio segreto passa l’emendamento sul carcere per i giornalisti

Roma – Non hanno resistito alla tentazione ti togliersi qualche sassolino dalle scarpe i signori senatori. Nascosti nell’anonimato, troppo codardi perché mettano la faccia, a scrutinio segreto il Senato ha approvato un emendamento della Lega appoggiato anche da Api che reintroduce il carcere per i giornalisti in caso di diffamazione a mezzo stampa. Favorevoli a vedere dietro le sbarre, i giornalisti accusati di diffamazione, si sono espressi 131 senatori, contrari 94, 20 gli astenuti. La palla adesso, passa alla conferenza dei capigruppo convocata da Schifani domani alle 12:30. Un’altra brutta pagina scritta nel libro della vergogna, autore la Casta, edito dal Parlamento infangato da politicanti di quart’ordine. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un costante attacco alla libertà di stampa e se da un lato libertà di stampa non vuol dire diffamare, dall’altro la libertà di legiferare non deve trasformarsi in repressione. Di questo si tratta l’emendamento passato questa sera, pura e semplice repressione volta a colpire chi cerca di fare informazione.

Ci chiediamo, che vantaggio trae il diffamato dall’arresto del diffamante? Dove sta la logica in una norma del genere? Quando, questi signori, si decideranno a fare uso dell’intelligenza? Qualità rara, certo, ma pur in minima parte dovrebbe essere presente. Qui non si tratta di voler imbavagliare l’informazione, si tratta di decapitarla, ucciderla a finché qualcuno possa fare i propri porci comodi e decidere cosa possa essere detto e cosa no.

Vincenzo Borriello

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche