Come calcolare il livello di umidità nell'aria | Notizie.it
Come calcolare il livello di umidità nell’aria
Lifestyle

Come calcolare il livello di umidità nell’aria

Tasso d'umidità
Tasso d'umidità

Spesso consideriamo solo la temperatura di un ambiente senza il tasso d'umidità. Occorre invece considerare questo parametro: vediamo come.

Spesso non ci si sofferma a osservare l’umidità in casa,in quanto la nostra priorità è di solito stabilire il grado di temperatura che abbiamo sia in estate sia in inverno. Questo però non basta, perché la muffa, le allergie e i batteri possono essere causati proprio da una presenza eccessiva di umidità, ovvero la quantità di vapore acqueo presente nell’aria a seconda della temperatura.

Ecco dunque come misurare il livello d’umidità nell’aria e quali sono i valori ottimali da tenere sempre sotto controllo.

Calcolare l’umidità nell’aria

Per vivere in un ambiente sano, è necessario confrontare i gradi nella nostra abitazione con il livello di umidità.

Facciamo un esempio: se in estate la temperatura è di 26° e il livello di umidità è al 50%, allora la condizione è ideale. Se invece la temperatura si abbassa di due gradi e il tasso di umidità è 70%, significa che c’è qualcosa che non va e dovete intervenire.

Vediamo meglio come tenere sempre controllato il livello di umidità in casa.

In commercio potete trovare un unico strumento, chiamato “Stazione meteo” che vi permette di misurare sia la temperatura sia l’umidità.

Tuttavia per misurare i gradi della vostra abitazione, dovete acquistare un termometro, mentre per quanto riguarda l’umidità, l’igrometro.

Come abbassare l’umidità

Gli elettrodomestici più sofisticati sono invece i climatizzatori e i deumidificatori. Dato che sono abbastanza costosi, evitate gli sprechi e comprate i modelli che vengono attivati soltanto quando il tasso di umidità supera quello che abbiamo impostato o che si spengono quando il valore diminuisce.

Per avere, nella vostra casa, l’aria sempre pulita e salubre, scegliete i deumidificatori dotati di filtro per
rimuovere polvere, pollini e cattivi odori. Quando avete avviato l’umidificatore o il climatizzatore, non lasciate porte o finestre aperte o il loro lavoro risulterà vano.
Se non volete spendere molto optate invece per un igrometro digitale, il costo parte dai 10€ per i modelli più semplici ma già precisi. Per uno strumento più sofisticato, ma economico vi consigliamo la “Stazione meteo”. Oltre ad indicarvi la temperatura attuale e il livello di umidità, vi suggerisce come impostare il climatizzatore o il deumidificatore.
Per il massimo del risparmio, potete trovare anche quelli a energia solare. Vi daranno le temperature sia interne che esterne, l’umidità, le fasi lunari, le previsioni meteo e la pressione atmosferica. Saranno anche in grado di rilevare le temperature idonee a seconda dei vostri locali.

Temperature ideali da tenere in casa

Le temperature ideali che dovreste sempre avere nei locali della vostra abitazione, sono le seguenti:
cucina: mai al di sopra dei 18° poichè il tasso di umidità si aggira intorno all’ 80%, soprattutto quando cuciniamo.
camera da letto: non fate mai alzare la temperatura più del dovuto. Mantenete sempre i 20-22° e con una percentuale di umidità che può variare dal 40 al 60%.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche