Come combattere il reflusso gastroesofageo
Come combattere il reflusso gastroesofageo
Salute

Come combattere il reflusso gastroesofageo

Il reflusso acido nell’esofago, in gola o in bocca, è il sintomo più chiaro della malattia da reflusso gastroesofageo. Questa patologia cronica può avere serie conseguenze se non viene adeguatamente curata. Fortunatamente, nella maggior parte dei casi il disturbo risponde bene al trattamento, che prevede un accostamento di medicinali e di cambiamento di stile di vita. Se hai i sintomi del reflusso gastroesofageo che comprendono bruciore di stomaco, rigurgito dell’acido gastrico, difficoltà ad ingoiare, tosse, gocciolamento retro-nasale ed eccessiva erosione dello smalto dentale, segui i suggerimenti delineati nell’articolo.

  1. è innanzitutto necessario un cambiamento nello stile di vita. Si può iniziare dall’eliminazione dei cibi che più facilmente possono innescare disturbi a livello gastrico, come cioccolato, cibi piccanti, fritti e grassi, alimenti acidi (pomodori e agrumi), aglio e cipolla. Può essere anche utile agire sul “come” si mangia: mangiando poco e spesso si aiuta il sistema digestivo a lavorare in maniera più efficace e ad evitare l’accumulo di acido gastrico.

    È consigliabile anche lasciar trascorrere un paio d’ore tra l’ultimo pasto e il momento di coricarsi, per permettere allo stomaco di digerire con l’aiuto della forza di gravità. I medici consigliano di mantenere uno stile di vita sano, mantenendosi normopeso, evitando alcol e fumo.

  2. Se i precedenti accorgimenti non sono sufficienti a risolvere il disturbo, sarà bene rivolgersi alla medicina, prima con un medicinale da banco e poi con degli H2 antagonisti. Sono consigliati per il reflusso i medicinali inibitori della pompa protonica: l’omeprazolo previene la produzione di acido nello stomaco e permette la ricostruzione dell’esofago dai danni precedenti. Esistono anche numerosi rimedi casalinghi, se si preferisce un approccio naturale: un miscela di bicarbonato di sodio e acqua, mandorle crude, una camomilla, succo di aloe e vera.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche