×

Come cucinare sottovuoto: i migliori strumenti

Cucinare sottovuoto, è possibile? Ma certo che è possibile, grazie ai nuovi macchinari ad uso domestico, per cucinare al meglio i vostri piatti da gran chef

Come cucinare sottovuoto: i migliori strumenti
Come cucinare sottovuoto: i migliori strumenti

Capita spesso che quando si diventa chef, si tende a inventare nuovi piatti sempre più innovativi, sofisticati e anche molto gustosi. Ma inventare dei nuovi metodi di cottura, non è quasi possibile ma cucinare sottovuoto, fa l’eccezione.

La prima volta che venne cucinato sottovuoto, è stato nel 1970, scoprendo si così una nuova rivelazione.

Cucinare sottovuoto fa sì che il cibo viene e cucinato in modo leggero e sano, esaltando il sapore.

Vari metodi come cucinare gli alimenti con il calore diretto o con la sola circolazione dell’aria ma di certo, la nuova tecnica di cottura che avviene con un sacchetto chiuso per il sottovuoto, beh questa è di certo nuovo ed innovativo.

Come si cucina quindi sottovuoto? Il sacchetto chiuso ermeticamente, privo di aria, viene immerso dentro l’acqua calda con un temperatura controllata.

È proprio il fatto che il cibo che viene cotto sia sottovuoto che permette di far cuocere la pietanza in modo diretto e sano.

Il vantaggio nel cucinare sottovuoto, è proprio per via della precisione nel controllare le temperature di cottura, che vengono mantenute costanti e stabili per alcune ore.

Se si cucina sottovuoto a basse temperature, la pietanza non risente degli sbalzi di temperatura, essendo priva di aria. In questo modo la cottura avviene in modo preciso.

Ovviamente questo metodo di cottura, non garantisce che la pietanza risulti come un piatto cucinato da un grande chef. Vi sono comunque alcune differenze che derivano proprio dalle temperature di cottura.

Se si vuole cucinare e mangiare un piatto da leccarsi i baffi, bisogna stabilire e raggiungere la giusta temperatura che indica una determinata ricetta per la buona riuscita del piatto. A volte se si sbagliano le temperature o i tempi di cottura, può risultare dura e poco gradevole al palato.

In questo modo, cucinando in modo giusto con il sottovuoto, il risultato sarà impeccabile, succoso, morbido e tenero.

Oltremodo, cucinare sottovuoto fa sì che le sostanze nutritive dell’alimento che si cucina, non venga disperso nell’acqua come le vitamine, proteine, ecc che rimangono così tutte contenute all’interno del sacchetto.

Un esempio che calza a pennello, sono proprio le verdure cotte che avviene secondo tradizione, lessate, scottate, sbianchite in acqua, cambiando così il colore della verdure che si cuoce.

Se le stesse verdure, vengono cotre all’interno del sacchetto sottovuoto, siamo sicuri che trattiene le sostanze nutritive e che non vengano stracotte, mantenendo anche il loro colore sempre vivo, acceso, brillante.

Oltre al fatto che non si perdono le sostanze nutritive importanti al nostro organismo, ci si guadagna anche il sapore, esaltando il suo gusto e arricchendolo.

Ma il discorso del gusto riguarda più che altro alla cottura della carne che avviene sottovuoto, rendendola tenera e morbida, conservando tutte le sue proprietà nutritive.

Quando si desidera mangiare qualcosa di buono, basta aggiungere qualche erba aromatica assieme alla carne nel sottovuoto, arricchendo i suoi sapori.

Non pensate che sia facile cucinare sottovuoto. Uno dei svantaggi di questo metodo, è che occorre avere la strumentazione specifica per tale cottura. Infatti esiste appositamentente un macchinario per poter cuocere al meglio i proprio piatti.

Con i tempi di oggi, è ora possibile trovare questa macchina molto facilmente ed è anche a portata di tutti, non solo per i grandi chef di alcuni ristoranti.

Se pensate che possa essere una grossa spesa, vi sbagliate di grosso. Esistono vari macchinari economici anche, grazie ad alcune aziende che hanno ideato macchinari ad uso domestico.

Un’altro svantaggio da dover tenere conto, sono i tempi di cottura, che sono 3 volte superiori rispetto alla cottura normale per via della bassa temperatura.

Vediamo ora alcune macchine per poter cucinare sottovuoto:

Severin SV

Macchinario di cottura professionale sottovuoto fatto in acciaio satinato e con inserti in nero e rivestimento antiaderente. Ha una capienza di 6 litri, controllo della temperatura di cottura integrata, mantenendo la temperatura costante tra i 40 e i 99 gradi. Mantiene il gusto e i sapori inalterati, dotato anche di un display in led e spia controllo.

Klarstein Deepvide

Cucinare sottovuoto con questa pentola è ora possibile sia con carne, pesce, verdure e altri ingredienti vari. Possibilità di impostare la temperatura a proprio piacimento tra i 40 e i 99 gradi e riesce a mantenere una cottura costante per 24 ore. Capienza massima di 6 litri, antiaderente, acciaio inox ed è lavabile in lavastoviglie. Dotato di display led.

Zyon

Termine francese, Sous Vide, che indica proprio la cottura sottovuoto. Capienza massima di 8,5 litri, realizzata in alluminio, rivestimento antiaderente, display LCD con varie indicazioni di temperature e impostazioni timer.

oneConcept Sanssouci

Possibilità di cuocere a temperature basse tra i 40 gradi e i 99 gradi. Regola automaticamente la temperatura. Potenza di 300 W con una capienza di 5 litri con distribuzione omogenea del calore. Realizzata in alluminio antiaderente, display in led per controllare le varie temperature ed impostazioni timer a disposizione.

Ora non vi resta altro che valutare e scegliere una di queste macchine per poter cucinare sottovuoto, pregustando vari piatti e prelibatezze che andrete a preparare. Assieme ad alcune macchine, viene anche consegnato un piccolo libro di ricette con tale macchina.

Sicuramente i vostri ospiti vi faranno solo tanti complimenti per la vostra cucina e nell’aver preservato i sapori delle pietanze proposte.

Contents.media
Ultima ora