Come eliminare l'energia statica nell'asciugatrice | Notizie.it
Come eliminare l’energia statica nell’asciugatrice
Lifestyle

Come eliminare l’energia statica nell’asciugatrice

Gli indumenti girando nell’asciugatricre creano una frizione che causa uno scambio di elettroni. Il risultato è l’energia statica che fa incollare insieme i tuoi capi. Per eliminare il problema si devono caricare positivamente l’interno dell’asciugatrice e gli indumenti. Evitare l’incollamento dei capi è possibile scegliendo il programma giusto e riempiendo la tua asciugatrice in maniera appropriata. Se hai ancora problemi a causa dell’energia statica, puoi usare dei prodotti appositi che trovi in commercio.

Istruzioni

Occorrente: Aceto bianco distillato, panni o sfere per asciugatrice.

1 Aggiungi un quarto di tazza di aceto bianco distillato nella lavatrice durante l’ultimo risciacquo. L’aceto funziona come ammorbidente e riduce l’adesione da energia statica.
2 Imposta la tua asciugatrice alla temperatura più bassa e sul ciclo più breve possibile. Usare alte temperature e asciugare troppo può causare l’incollamento dei capi all’interno dell’asciugatrice.
3 Fai in modo che gli indumenti abbiano spazio per muoversi liberamente mentre asciugano.

Mettere troppi capi nell’asciugatrice può causare l’adesione.
4 Se il passo precedente non riduce il problema, metti nell’asciugatrice un panno o una sfera per asciugabiancheria. Questi prodotti hanno un rivestimento caricato positivamente che si trasferisce sugli indumenti eliminando l’adesione statica.

Suggerimenti

Se i tuoi capi hanno ancora energia statica quando li togli dall’asciugatrice, stendili ad asciugare. Puoi anche usare un prodotto antistatico spray sugli indumenti o strofinarli all’interno con uno straccio per eliminare il problema.

Alcune asciugatrici usano la carica statica per determinare il livello di asciugatura attraverso i sensori. Non usare le strisce da asciugatrice quando c’è questa funzione; ciò impedirebbe ai sensori di valutare accuratamente l’asciugatura dei capi.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche