Come fare i funghi in casa con l’essiccatore
Lifestyle

Come fare i funghi in casa con l’essiccatore

FUNGHI.
FUNGHI.

Amate i funghi e vi piacerebbe coltivarli in casa? Non sapete come fare? Niente paura! Ecco come farli con l'essiccatore.


Coltivare funghi in casa è l’ultima moda del periodo ed è dedicata a tutte quelle persone che sono stufe di andare a cercare funghi per i boschi con il rischio di raccogliere qualità velenose. E’ un’idea innovativa anche per tutte quelle persone che desiderano mangiare e avere dei funghi nel proprio appartamento con la sicurezza di coltivare funghi commestibili e mai velenosi. Coltivare funghi in casa non è una faccenda molto semplice, soprattutto perchè se non conosciuti rischiano di essere un alimento particolarmente pericoloso. Mangiare funghi non commestibili, infatti, può diventare particolarmente pericoloso per la nostra salute e in alcuni casi, quelli più gravi, anche mortali. Diventa quindi molto importante raccogliere funghi solo se ci si trova accanto a una persona esperta.

Quando si decide di andare alla ricerca di funghi bisogna fare molto attenzione sapere riconoscere le specie commestibili rispetto a quelle velenose. Le specie di funghi velenosi possono essere molto dannose per il nostro organismo perchè possono portare forti intossicazioni.

I funghi sono alimenti che possono risultare nei casi più estremi mortali e per questo motivo è necessario fare molta attenzione.

Spora Pleutorus

Tra i prodotti utili per coltivare funghi in casa che possiamo trovare on-line c’è sicuramente Spora Pleutorus. Spora Pleutorus è una speciale spugna che grazie ad essa, raccoglierai periodicamente funghi commestibili e freschi direttamente dentro casa. Non sporca, non è ingombrante, non puzza ed immediatamente produttiva. Spora è la prima spugna domestica al mondo che produce funghi commestibili. Ecco quali sono i funghi che produce Spora Pleutorus:

  • Agaricus Bisporus (Prataiolo).
  • Coprinus Comatus (Coprinus).
  • Lentinus Edodes (Shii Take).
  • Pholiota Aegerita (Pioppino).
  • Pleurotus Cornucopiace (Pleurotus Giallo).
  • Pleurotus Eryngii (Cardoncello).
  • Salmoneo Stramineus (Pleurotus Rosa).
  • Ostreatus (Ostrica).

Spora Pleutorus permetterà di coltivare funghi:

  • A prezzi competitivi.
  • commestibili al 100%.
  • Senza necessità di acquistarli al supermercato.
  • Senza sporcare casa con i tradizionali metodi di coltivazione.

Spora Pleutorus:

  • È leggerissima.
  • Emana il classico odore di fungo
  • È molto economico rispetto alle ballette.
  • Permette di coltivare funghi per risotti buonissimi.
  • Non ingombra.
  • Non puzza.

Ecco come funziona Spora Pleutorus:

  1. Attiva la spugna con dell’acqua.
  2. Aspetta che spuntino i primi funghi ed innaffia ogni 2/3 giorni.
  3. Utilizza i funghi profumati che saranno l’ingrediente dei tuoi piatti.

spora

Per acquistare Spora Pleutorus è necessario collegarsi sul sito ufficiale del prodotto dove si potranno trovare moltissime promozioni. Dopo essere entrati nel sito ufficiale è necessario effettuare la registrazione e successivamente ordinare il prodotto. Il prodotto verrà pagato alla consegna in contrassegno. La consegna del prodotto sarà affidata al corriere che consegnerà in un tempo velocissimo il pacchetto in un sacchetto anonimo.

Essiccatore

Quando parliamo di “Essiccatore” intendiamo una particolare apparecchiatura che viene utilizzata per fare essiccare i liquidi che si trovano dispersi all’interno dei materiali solidi. Con questa apparecchiatura è quindi possibile separare la materia solida da quella liquida. In particolare l’essiccatore permette un trasferimento della massa grazie all’evaporazione di un composto basso bollente. Ecco quali sono i migliori essiccatori 2017:

  1. BEPER 90.506: Beper 90.506 è un prodotto di fascia medio-bassa che mette insieme il prezzo economico all’efficienza e semplicità di utilizzo. Questo essiccatore per frutta, verdura, funghi, ecc…

    ha un basso consumo energetico (245 watt), che ti permetterà di essiccare senza alcun problema frutta, verdura, funghi e molti altri cibi, anche se con un po’ di tempo in più dei modelli con maggiore potenza. Sopra la base vengono impilati 5 vassoi in plastica trasparente, i quali sono traforati per permettere il passaggio del calore emesso alla base.

  2. BIOSEC DOMUS B5: Biosec Domus B5 è uno dei migliori essiccatori in commercio Made in Italy per disidratare efficacemente e con estrema semplicità funghi, verdure, spezie e frutta. Il pro è quello che il flusso d’aria arriva in modo orizzontale essiccando gli ingredienti uniformemente in tutti i vassoi; il contro è che occuperà più spazio in cucina, e quindi ci sentiamo di consigliarlo solo a chi ha a disposizione un ripiano di medie-grandi dimensioni dove appoggiarlo. Un’altra caratteristica di questo essiccatore Biosec Domus B5 è un sistema di ventilazione separato, che prevede una ventola dotata di tecnologia Dryset Pro, ovvero 12 programmi elettronici per la scelta della temperatura da 20°C a 60°C, l’impostazione del timer e del mantenimento, tutto regolabile dal display luminoso presente sulla ventola.
  3. CLATRONIC DR2751: Clatronic DR2751 è il più economico essiccatore alimentare sul mercato, ma anche il più semplice nella sua struttura, sebbene particolare, poichè il motore non è posto alla base, ma bensì nel coperchio. Questo essiccatore a torre è dotato di 5 vassoi traforati in plastica bianca dell’altezza di 13 mm, uno spazio piuttosto ridotto che richiede il taglio sottile degli alimenti da essiccare.
  4. KLARSTEIN BANANARAMA: Klarstein Bananarama è un essiccatore orizzontale di fascia media dotato di caratteristiche molto interessanti per diversi aspetti. La base rettangolare presenta una modalità di ricircolo dell’aria calda, in modo che la distribuzione del calore sia omogenea in tutti i vassoi. Consigliamo comunque di scambiare ogni tanto l’ordine dei ripiani e non mettere alimenti troppo diversi fra loro, dato che gli aromi potrebbero leggermente mescolarsi. Sia la temperatura che va da 40°C a 70°C, che il tempo, con il timer, sono regolabili molto facilmente tramite il piccolo pannello frontale dotato di soli tre tasti e di un piccolo display. Questo ti permetterà di lasciarlo funzionare durante le ore notturne, senza doverti preoccupare di doverlo spegnere a disidratazione completata. Klarstein Bananarama è un po’ più ingombrante degli essiccatori circolari data la sua forma, ma è dotato di ben 6 vassoi in plastica rimovibili e traforati, per permettere al meglio il passaggio dell’altra calda, oltre che di una doppia modalità di incastro e di un vassoio trasparente per tenere sotto controllo l’essiccazione.
  5. KLARSTEIN YOFRUIT: Klarstein Yofruit è un essiccatore multifunzione ad un ottimo rapporto qualità/prezzo, dato che si può utilizzare sia per essiccare peperoncini, ortaggi, pasta e molto altro, che per preparare un buonissimo yogurt fatto in casa. Sopra la base sono presenti 9 contenitori per lo yogurt con relativi coperchi, i quali sono appoggiati ad una griglia con fori appositi per mantenerli fermi; la base invece presenta un interruttore per accensione/spegnimento, e un termostato da 35° a 70°C per regolare la potenza di 250W in base all’alimento che stai essiccando, garantendo un’ottimo ricircolo dell’aria su tutti i ripiani. Questo essiccatore elettrico è dotato di 4 vassoi traforati da 3 cm in plastica trasparente per tenere sotto controllo lo stato di essiccazione, ma anche per favorire l’ottimale circolo dell’aria calda in tutti gli scomparti.

Essiccatore per alimenti

L’essiccatore alimentare è un’apparecchiatura che è molto utile e importante per la vita casalinga. L’essiccatore alimentare è lo strumento più comodo perchè permette di conservare il prodotto alimentare essiccandolo. È un apparecchio comodissimo anche per tutte quelle persone che amano fare la pasta in casa e che grazie a questo strumento possono farla asciugare in modo più rapido, permettendone la conservazione a secco. Ecco quali sono i 3 migliori essiccatori alimentari 2017:

  1. MELCHIONI FAMILY: questo modello consente di essiccare vari tipi di alimenti come frutta, verdura, funghi. Ha un termostato regolabile da 35 a 70°C, che consente di selezionare il livello di temperatura ideale in base al prodotto da disidratare. Nella sua struttura accoglie cinque vassoi removibili e un coperchio, progettato con una serie di fessure per evitare l’appannamento durante l’utilizzo.
  2. REBER 46457: questo modello di tipo verticale ha 5 scomparti di grande capacità e pareti trasparenti per il controllo visivo e continuo del processo di essiccazione. Ha una potenza massima di 260 Watt e dispone di un display digitale che permette di tenere sotto controllo i tempi legati all’essiccazione; la temperatura può essere selezionata fino a un massimo di 70°C mediante una manopola posta alla base del corpo macchina. Il diametro interno è di 32 centimetri e l’altezza tra uno scomparto e l’altro di 3,30 centimetri.
  3. TAURO BIOSEC DOMUS B5: questo essiccatore alimentare è dotato di timer programmabile e display luminoso; ha 12 programmi, di cui 7 specifici e 5 con temperature definite per personalizzare e consentire un controllo costante dei tempi di lavorazione, limitando i consumi energetici. L’essiccatore a 5 cestelli è dotato di un motore con sistema elettronico Dryset Pro. Il box contenitore è realizzato in solido materiale plastico per alimenti, è perfetto per chi cerca un essiccatore domestico di piccole dimensioni: la capacità indicativa è di 2-3 Kg di prodotto.

Essiccatore per funghi

L’essiccatore alimentare non è uno strumento utile solo per frutta, verdura e pasta. L’essiccatore alimentare infatti è uno strumento utilissimo anche per essiccare i funghi. Questo strumento, facendo evaporare parte dell’acqua nei cibi, è molto utile per addensare alcuni piatti dando loro una consistenza più solida, come nel caso di polpette e hamburger. I funghi sono l’alimento ideale da conservare nell’essiccatore alimentare. Ecco come utilizzare l’essiccatore alimentare:

  1. Tagliare il prodotto a fette, solitamente non si supera il centimetro di spessore, tieni sempre presente anche il grado di acquosità. In alcuni casi, come per le albicocche, o i pomodori ciliegino sarà sufficiente tagliarli a metà.
  2. Appoggiare il prodotto nei cestelli, non sovrapporre le fette una sopra l’altra, rischiano di ammuffire oltre a non permettere un’essiccazione uniforme. Una volta disposte le fette sul cestello inseriscilo nell’essiccatore.
  3. Accendere l’essiccatore semplicemente premendo sull’apposito interruttore e regolate la temperatura attraverso la manopola.
  4. Attendere che l’essiccatore faccia il suo dovere, le tempistiche variano da prodotto a prodotto, ma in quasi tutti gli essiccatori trovi il libretto di istruzioni con la tabella riassuntiva delle essiccazioni più comuni da consultare.
© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Nata durante l'estate del 1991. Sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e Lettere Moderne. Amo scrivere, la moda, gli animali, l'arte, il cinema e i viaggi.