Come formattare un disco esterno in Ubuntu
Come formattare un disco esterno in Ubuntu
Tecnologia

Come formattare un disco esterno in Ubuntu

Formattare un disco esterno

Dovete formattare un disco esterno in Ubuntu? Dovrete utilizzare GParted. Ecco cos'è e come effettuare la formattazione utilizzando questo software.

Formattare un disco esterno è una delle procedure più comuni per l’hardware. Se volete aggiungere al vostro sistema Linux un nuovo drive o una partizione, è necessario formattarli prima di poterli utilizzare. In Ubuntu Linux ciò è facilitato da GParted, che vi permetterà di gestire graficamente le vostre partizioni del disco rigido. Se volete sapere come fare, di seguito vi spieghiamo cos’è GParted e vi forniamo le istruzioni per eseguire la formattazione di un disco esterno utilizzando questo software.

Cos’è GParted

GParted è un software libero che permette di spostare, cancellare, copiare, creare partizioni e file system. Presenta un’interfaccia semplice da usare per chiunque desideri formattare un disco esterno da utilizzare con Linux, Windows o entrambi.

Potete scaricare gratuitamente GParted, se non è già installato sul vostro computer. Solitamente nella modalità Live è già presente questo software, negli altri casi dovrete scaricarlo. Dopo aver fatto il download del software, per installarlo dovete accedere all’area “Software Center” o “Gestione Pacchetti”.

Compiuta questa operazione potrete iniziare a occuparvi della formattazione del disco esterno.

Formattare un disco esterno con GParted

Una volta installato GParted, vi sarà possibile formattare un nuovo drive con questo software attraverso pochi e semplici passaggi.

Operazioni preliminari

Innanzitutto, prima di procedere alla vera e propria formattazione, è necessario raccogliere informazioni sul nuovo drive.

Perciò, nella finestra Terminal, avviate sudo lshw – C disk.

Se Ubuntu ha rilevato il nuovo disco esterno, visualizzerà tutte le informazioni che lo riguardano. Vi consigliamo di annotare il “nome logico”, ovvero l’unica locazione nel sistema dei files che Ubuntu ha provveduto ad assegnare al nuovo drive. Tenetelo da parte perché vi occorrerà tra poco.

Avviare GParted

A questo punto, dovete avviare GParted. Dalle impostazioni cliccate sulla voce “Sistema”, accede quindi alla sezione “Amministratore” e successivamente a “Editor di partizioni”. Fate attenzione perché quest’ultimo a volte è indicato come “GNOME Partition Editor”.

Ora nell’angolo in alto a destra trovate un menù che vi permette di selezionare il nuovo drive da formattare. Potete individuare il disco esterno utilizzando il nome logico che vi siete appuntati in precedenza.

Le impostazioni del disco esterno

Una volta avviato GParted e individuato il disco esterno su cui volete lavorare, potete iniziare la formattazione vera e propria.

Per prima cose cliccate sul disco esterno che volete formattare e verificatene le impostazioni.

Impostate le dimensioni per la partizione al massimo consentito e controllate la casella “Partizione principale”.

È possibile partizionare il drive con diversi file system. Dovete scegliere in base al sistema operativo con cui dovete utilizzarle. Perciò, selezionate il formato del drive in base alle vostre preferenze personali. Se utilizzerete il disco esterno soltanto in Linux, scegliete EXT2, EXT3 o EXT4. Se, invece, prevedete di utilizzarlo in Windows, scegliete FAT32 o NTSF. Per Mac OSX è necessario scegliere HFS o HFS+.

Formattare il disco esterno

Manca ancora un ultimo passaggio. Per formattare il drive dovete prima “smontarlo”. Posizionate il mouse sul disco che volete formattare e cliccate il tasto destro. Vi si aprirà un menù su cui dovrete selezionare la voce “smonta”.

Terminata questa operazione, se cliccate nuovamente con il tasto destro sul disco esterno, tra le varie voci del menù che compare, troverete ora anche “formatta”. Fate click su questa voce e si avvierà il processo di formattazione.

Il vostro disco esterno risulterà così formattato correttamente e potrete utilizzarlo senza problemi sul sistema operativo da voi prescelto.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche