×

Come installare un secondo disco rigido Sata nel sistema Ubuntu

default featured image 3 1200x900 768x576

do sata hdd partitions ubuntu  800X800 300x223E’ molto semplice aggiungere un secondo hard drive SATA nel vostro sistema Ubuntu: innanzitutto il nuovo disco rigido viene installato sul pc e successivamente formattato per Ubuntu.

In linea generale, Ubuntu dovrebbe riconoscere immediatamente l’aggiunta di nuovi hard drive SATA e quindi dopo l’installazione si tratterà soltanto di formattare il disco per renderlo compatibile con Ubuntu. Essendo poi Ubuntu un software gratuito, avete a disposizione una gamma di opzioni del tutto affidabili per la formattazione e un programma semplice da usare, che vi guiderà durante il processo di configurazione del secondo disco fisso SATA.

Difficoltà: Abbastanza facile

Istruzioni

Requisiti:

  • sistema Ubuntu
  • un secondo hard drive
  • software di partizionamento del disco rigido

1 Spegnere il computer.
2 Scaricare l’energia elettrostatica dalle mani prima di maneggiare l’hard drive, toccando un oggetto di metallo con messa a terra o indossando un bracciale antistatico.
3 Installare il disco rigido nel computer come da istruzioni. In linea generale, ciò consiste nell’inserire il cavo di connessione SATA nello slot della scheda madre per drive SATA e il cavo dell’alimentazione nel computer.

4 Accendere il computer.
5 Scaricare Gnome Partition Editor, in “Sistema,” “Amministratore” “Partition Editor.” Se l’editor non è disponibile, eseguire il seguente comando in una finestra Terminal (in “Applicazioni,” “Accessori,” “Terminal”):

sudo apt-get install gparted

6 Selezionare il nuovo hard drive dal menu a tendina situato sopra Gnome Partition Editor.

7 Cliccare con il tasto destro del mouse sul disco rigido e selezionare “Nuovo” specificando formato e dimensioni dell’hard drive. Formattare l’hard drive nel numero di partizioni desiderato.

8 Selezionare “Applica” una volta terminata la configurazione del secondo disco fisso. Questo passaggio consente di salvare le modifiche nell’hard drive, rendendolo compatibile per l’utilizzo su Ubuntu.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora