Come potare i tulipani
Come potare i tulipani
Ambiente

Come potare i tulipani

Tulipani potaturaTulipani potatura

Ecco una breve guida pratica per conoscere come effettuare la potatura dei tulipani, oltre alle istruzioni sulle condizioni di concimazione.

I tulipani sono piante caratterizzate da una radice bulbiforme. Dopo che hanno terminato di fiorire, essi continuano a lavorare immagazzinando la luce del sole nelle foglie per poi convertirle in energia, e quindi immagazzinarla nel bulbo – l’operazione della fotosintesi. Se volete una prosperosa aiuola di tulipani per la prossima primavera, è consigliato rispettare alcune indicazioni utili per non danneggiare la pianta.

La potatura dei tulipani

Il tulipano, solitamente, non richiede operazioni di potatura, ma è buona norma rimuovere ed eliminare i fiori appassiti e le parti danneggiate della pianta. La rimozione dei fiori si attua per evitare che la pianta sprechi, si potrebbe dire, le sue risorse nella produzione di semi, così da ridurre le sostanze nutritive da accumulare nel bulbo. Alla fine della stagione è normale che le foglie del fiore inizino ad appassire e a ingiallire, ma non bisogna assolutamente rimuoverle se hanno ancora tracce di verde. In questa fase, infatti, i tessuti stanno accumulando energie nel bulbo.

In sostanza, quindi, sono da eliminare soltanto le foglie ingiallite.

Istruzioni

1 Tagliate i gambi dei tulipani dopo la sfioritura. Usate delle forbici per tagliare il gambo vicino alla base della pianta.

2 Lasciate le foglie intatte fino a quando sono verdi. Se desiderate potete raggruppare le foglie e legarle insieme con uno spago. Potete piantare delle piante annuali attorno ai tulipani se non vi piacciono le foglie verdi senza fiori.

3 Tagliate le foglie dei tulipani solo dopo che sono ingiallite. Usate delle forbici per potare per tagliare alla base della pianta. Dopo che le foglie sono ingiallite il tulipano conserva le energie per ricrescere la primavera seguente.

Relativamente all’esposizione del fiore, è consigliato tenere i tulipani nelle zone soleggiate, anche se possibilmente non ventose. Il vento può infatti arrivare a piegare o a spezzare gli steli. Si possono far crescere i tulipani anche in zone ombreggiate: basta che la pianta riceva dalle 5 alle 6 ore di luce diretta al giorno.

Il fiore cresce soprattutto in climi dove la primavera è fresca e si protrae per molto tempo, con estati calde e poco piovose.

Il terreno e la concimazione

Il terreno di crescita consigliato per la crescita dei tulipani è solitamente sabbioso, e dotato di capacità di drenaggio, oltre che essere ricco di sostanze organiche. La concimazione del terreno inizia con l’arricchimento del terreno con una buona quantità di letame maturo, e continuano durante la stagione della fioritura con fertilizzanti liquidi per piante fiorite da sciogliere nell’acqua usata per le irrigazioni.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*