Come scrivere una storia per un cartone animato
Come scrivere una storia per un cartone animato
Fumetti

Come scrivere una storia per un cartone animato

Cartone animato

Per scrivere una storia per un cartone animato occorre raccontare e descrivere le scene e i personaggi in modo che il disegnatore possa illustrarle.

Vediamo come scrivere una storia che prenderà vita. Scrivere una storia per un cartone animato può essere davvero complesso. Non si tratta solo di creare una “storia”.

Scrivere un cartone animato

Sì, la trama è importante; tuttavia per scrivere una storia per un cartone animato occorre saper raccontare e descrivere dettagliatamente le scene, i personaggi in modo che il disegnatore possa creare l’illustrazione. Se alla tua storia vuoi aggiungere dei dialoghi, è bene creare una sorta di copione.

  • Per prima cosa occorre una storia da raccontare. In genere quando si scrivono delle storie per cartoni animati o fumetti si inizia sempre schematizzando il nucleo, la parte centrale della storia. A questa vengono aggiunti man mano altri elementi per arricchirla.
  • Creare il contesto: è necessario per sapere come e dove muovere i personaggi; è importante, inoltre, scegliere il luogo di ambientazione e l’epoca.
  • I personaggi: anche per la loro caratterizzazione, ovviamente, si può iniziare dal personaggio principale della nostra storia, avere in mente cosa fa nella vita, i suoi luoghi, le persone con cui ha un rapporto, le sue abitudini, il linguaggio, il modo di interagire con gli altri personaggi.
  • I dialoghi: è necessario scrivere un copione, prima della fase di animazione, perché in questa fase è necessario capire come il soggetto animato deve muovere la bocca per pronunciare le battute.

    Cosa non meno importante è scegliere i doppiatori.

Occorre considerare altri aspetti, anche se non del tutto legati alla fase di creazione, alla capacità di immaginazione, al talento.

  • E’ importante avere ben chiaro che tipo di cartone animato si vuole creare, capire entro quale genere si colloca e il target di persone a cui si rivolge. Anche decidere la durata del cartone, può aiutarti a creare una storia adatta. Ovviamente anche la durata varia secondo il target a cui è rivolto il cartone, secondo la tipologia dello stesso e il mezzo di diffusione.
  • E’ necessario, inoltre, conoscere le principali tecniche di animazione. La maggior parte dei cartoni animati viene creata, attualmente, attraverso software specifici per l’animazione 2D o 3D. Il risultato sarà un’animazione più fluida rispetto a quella creata con le tecniche tradizionali.
  • Occorre tenere in considerazione le risorse che si hanno a disposizione; secondo il cartone che si intende creare potrebbe essere necessario l’utilizzo di apparecchiature specifiche.
  • Distribuire il cartone: anche in questo caso è necessario tenere in considerazione il proprio budget.
    • Se si è agli inizi si può tentare si dare visibilità alla propria creazione attraverso blog, social e YouTube.
    • Si può comunque tentare di contattare una compagnia di distruzione, specie se al cartone creato si vorrà dare un seguito.
© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*