×

Come trovare la discriminante in un’equazione di secondo grado

default featured image 3 1200x900 768x576

Uno dei problemi per risolvere un’equazione di secondo grado è sapere se l’equazione è risolvibile o meno. La discriminante di un’equazione di secondo grado ti aiuta a sapere in anticipo quante soluzioni reali o zero avrà l’equazione. La discriminante si basa sulla forma dell’ equazione ax^2 + bx + c, dove x è la variabile ed a, b​, c sono i coefficienti.

Trovare la discriminante di un’equazione di secondo grado può aiutare a risolvere le equazioni in modo efficiente e veloce.

untitled118 185x115
istruzioni

1. Imposta il coefficiente b. Ad esempio, l’equazione di secondo grado x^2-6x 9 ha un coefficiente di b uguale a 6.

Così, il quadrato di 6 è 36.

2. Moltiplicare i coefficienti a e a insieme, e quindi moltiplicare il prodotto per 4. Per l’esempio, il coefficiente è 1 e il coefficiente c è 9. Quindi, 9 moltiplicato per 1 è 9, 9 moltiplicato per 4 è 36.

3. Sottrarre il numero ottenuto nella Fase 2 per il prodotto del quadrato b. Per l’esempio, 36 sottratto a 36 è uguale a 0.

4. Confrontare la discriminante per il numero zero.

Se la discriminante è maggiore di zero, allora l’equazione quadratica ha due soluzioni reali, se la discriminante è uguale a zero, allora l’equazione ha una soluzione reale, e se la discriminante è minore di zero, allora l’equazione non ha soluzioni. Nell’esempio, la discriminante è uguale a zero, quindi l’equazione ha una soluzione reale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora