Commentatore tv muore d'infarto per il ko dell'Egitto al 95'
Commentatore tv muore d’infarto per il ko dell’Egitto al 95′
Sport

Commentatore tv muore d’infarto per il ko dell’Egitto al 95′

commentatore Egitto
commentatore Egitto

L'opinionista Abdel Rahim Mohamed ha accusato un malore in seguito alla sconfitta dell'Egitto contro l'Arabia Saudita.

I Mondiali di Russia 2018 hanno già iniziato a offrire alcuni verdetti riguardanti la fase a gironi della competizione. Lunedì 25 giugno si è infatti chiuso il gruppo A, che ha sancito le prime due qualificate agli ottavi di finale, l’Uruguay e la Russia padrona di casa. Tra le squadre già eliminate, invece, Arabia Saudita e Egitto, che non avendo più possibilità di passare alla fase successiva si sono sfidate in una gara che metteva in palio l’orgoglio nazionale e la possibilità di chiudere il Mondiale con almeno una vittoria all’attivo, dopo che entrambe le compagini avevano perso le partite precedenti. Il testa a testa tra le due nazioni è stato all’insegna dell’equilibrio, con il risultato bloccato sull’1-1 fino ai minuti di recupero del secondo tempo, durante i quali l’Arabia Saudita ha segnato la rete della vittoria. La sconfitta dell’Egitto in extremis sarebbe stata la causa dell’attacco cardiaco di Abdel Rahim Mohamed, ex giocatore egiziano e commentatore che si è sentito male proprio aver assistito alla terza partita persa dalla sua nazionale ed è deceduto poco dopo.

L’Egitto perde, commentatore si sente male

Sperava forse in una gioia, seppur inutile ai fini della classifica, regalata dal suo Egitto, per terminare la breve e sfortunata avventura in questa Coppa del Mondo con una nota positiva.

Invece, il gol in pieno recupero dell’Arabia Saudita è stata l’ennesima beffa in neanche due settimane di competizione, una tristezza alla quale il suo cuore non ha resistito.

Abdel Rahim Mohamed, ex calciatore e poi commentatore sportivo, aveva assistito all’ultima gara dell’Egitto, e si stava preparando ad analizzare il match nel post-partita negli studi della TV nazionale egiziana al Cairo. Secondo quanto riportato da alcuni media locali, dei colleghi che stavano assistendo la sfida insieme a Mohamed l’avrebbero definito “sfinito” dalle tante emozioni provate durante gli oltre 90 minuti di gioco.

Proprio quando tutto sembrava condurre a un pareggio, però, l’Arabia Saudita si è portata in vantaggio al 95′ con un gol di Al Dawsari, condannando così l’Egitto alla terza sconfitta in altrettante partite, e di conseguenza l‘ultimo posto nel girone.

Il dolore per il risultato maturato all’ultimo, o forse le emozioni provate durante il match, hanno causato a Mohamed un attacco cardiaco, avvenuto proprio quando l’uomo si trovava negli studi televisivi. A soccorrerlo è arrivato immediatamente il figlio, che si è incaricato di trasportare Mohamed in ospedale, dove però l’opinionista sportivo è deceduto.

Nella conferenza stampa successiva alla partita il tecnico dell’Egitto Hector Cuper si è detto addolorato per questa scomparsa, augurandosi che l’episodio non fosse stato causato dalla sconfitta della sua squadra.

I “Faraoni” erano passati in vantaggio nel primo tempo della partita, grazie a una rete del loro calciatore più atteso, Mohamed Salah. L’Arabia Saudita aveva però reagito, sbagliando un rigore e poi trovando il pareggio sul finire del primo tempo, prima di completare la rimonta negli istanti finali del match.

Per l’Egitto, che arrivava con fiducia e buone aspettative, il Mondiale si è complicato fin dai primi momenti, con la stella Salah costretta a saltare la prima partita persa nel finale contro l’Uruguay a causa dell’infortunio subito qualche settimana prima in finale di Champions League.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora
Burberry Cofanetto Regalo Profumo Burberry Weekend For Men + All Over Shampoo
39.5 €
Compra ora
Alessandro Bai
Alessandro Bai 189 Articoli
Alessandro Bai, nato nel 1991 a Milano, città che ama ma da cui non può fare a meno di spostarsi (e ritornare, sempre). Una mamma brasiliana, un anno di studi in Inghilterra e la passione per le lingue mi hanno dato l'apertura mentale che cerco di riportare nel giornalismo. Racconto di sport per fare emozionare.