×

Comune Torino: prestito ai giovani che vanno a vivere da soli

Un prestito fino a 3.500 euro per pagare i primi mesi di affitto. E’ il progetto lanciato dal Comune di Torino, con il sostegno del ministero della Gioventu’, per aiutare i giovani tra i 20 e i 30 anni che lasciano la casa di mamma e papa’ per andare a vivere da soli. L’iniziativa e’ stata selezionata e finanziata dal ministero come il miglior progetto “per incrementare la disponibilita’ di alloggi da destinare in locazione ai giovani nelle citta’ metropolitane e sostenere la fase di avviamento dei percorsi di autonomia abitativa”, tra i 14 presentati. Ora il progetto “Ciascuno a suo agio” (Casa), predisposto dal settore politiche giovanili della citta’ e realizzato con la partnership della Compagnia di San Paolo, e’ pronto per entrare nella sua fase operativa.

Dal 7 settembre gli interessati potranno presentare domanda. La somma dovra’ essere restituita in tre anni senza interesse. Per facilitare l’incontro tra domanda e offerta il progetto prevede anche l’istituzione un fondo di garanzia, che verra’ utilizzato per corrispondere al proprietario fino a un massimo di nove mensilita’ del canone di locazione in caso di morosita’ del giovane locatario. Il prestito a tasso zero, precisa il Comune, “non e’ uno strumento riservato solo ai meno abbienti, perche’ il problema dell’autonomia abitativa riguarda i giovani a prescindere dalle condizioni sociali ed economiche. Percio’ l’elemento essenziale non e’ il reddito dei giovani, che non viene richiesto, ma la volonta’ di assumersi le responsabilita’ di una vita in autonomia”.

1
Scrivi un commento

300
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
patrizia

Fanno finta di voler aiutare i giovani ma qua non ti aiuta nessuno.
Io ho 25 anni e vivo da circa un mese da sola.
Sono andata ad informarmi per questo prestito ma ne possono solo usufruire le persone residenti a Torino da un anno.
Non pensate che ne avrebbero avuto bisogno anche i provinciali???
RAgazzi studenti che devono fare i pendolari quando avrebbero potuto avvicinarsi a torino ed invece cio’ non e’ possibile!!

Leggi anche