×
Home > Economia > Comunità intelligenti

Comunità intelligenti

In pochi anni tutte le città dovranno essere smart. Dovranno modificare i propri statuti e regolamenti ed essere città intelligenti o meglio comunità intelligenti. È quello che vuole l’unione europea, che attraverso finanziamenti, vuole portare questo grande cambiamento nelle più grandi città europee e non solo.
Ciò che questo progetto si propone di fare, non è soltanto a livello ambientale, ma soprattutto a livello amministrativo e di pubblica amministrazione, che più di ogni altro fattore sociale influenzano la nostra vita. Quella che si vuole attuare è una politica sostenibile, in grado di poter gestire le grandi sfide che la globalizzazione e la crisi ci stanno imponendo negli ultimi tempi.
Innanzitutto bisogna specificare l’utilizzo del termine comunità. Un termine che preso in considerazione soprattutto in riferimento alle città italiane che derivavano dagli antichi comuni medievali, dove appunto la comunità era un luogo di coesione, partecipazione, tradizione e solidarietà.

In un certo modo si vorrebbe riprendere tutto questo per vivere meglio oggi e per dare un futuro sicuro anche alle nuove generazioni. Inizialmente il progetto era incentrato appunto sul fattore sociale, su aspetti quali la mobilità, turismo e cultura, economia della conoscenza e tolleranza, trasformazioni urbane per migliorare la qualità della vita e l’ambiente. Quest’ultimo aspetto rientra all’interno di un piano strategico per le tecnologie energetiche, col quale si vuole dare vita ad una rete per lo sviluppo delle energie nel nome della sostenibilità e del basso impatto ambientale.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche