Concerto di Vasco Rossi al Modena Park: ritrovati smartphone, tablet e contanti
Concerto di Vasco Rossi al Modena Park: ritrovati smartphone, tablet e sex toys
Concerti

Concerto di Vasco Rossi al Modena Park: ritrovati smartphone, tablet e sex toys

Vasco Rossi

Al Modena Park sono stati ritrovati molti oggetti persi dagli oltre 200mila fan che hanno partecipato al concerto di Vasco Rossi, alcuni anche di valore

Dopo il grande successo di sabato sera, cosa rimane del mega evento di Vasco Rossi al “Modena Park”? Stando alle dichiarazioni delle tre aziende chiamate a pulire l’area che ha ospitato gli oltre duecentomila fans del cantante sono state ritrovati moltissimi oggetti di valore.

Tra questi sono stati ritrovati oltre 110 smartphone, tre tablet, 1200 mazzi di chiavi, 670 paia di occhiali. E ancora 120 confezioni di preservativi, un Rolex Submariner in acciaio, oltre cinquanta carte di credito e 170 scarpe. Ma non è finita qui: sono stati rinvenuti anche un pigiama da uomo, due stampelle, una trentina di felpe, sessanta reggiseni, due materassini gonfiabili e oltre duemila euro in contanti, divisi in diversi portafogli. E ancora: una confezione di dodici assorbenti per adulti incontinenti, una trentina di sacchi a pelo, una piccola statua in legno di Padre Pio e 28 sex toys. A tutto ciò si aggiungono un numero incalcolabile di cappellini, bandane e polsiere.

Insomma, anche sotto questo punto di vista, il Balsco ha raccontato ancora una volta l’Italia!

Il classico vibratore Acvioo in silicone morbido, dispone di diverse vibrazioni tra cui scegliere e di una comoda impugnatura. Comodo da utilizzare, il vibratore offre un massaggio gradevole ed è di alta qualità.

Vasco Rossi al Modena Park: ecco tutti i numeri del mega concerto

Il palco su cui Vasco Rossi si è esibito insieme alla sua band era alto come un palazzo di otto piani. Esso era inoltre largo quasi centotrenta metri. 1500 erano i metri quadri di schermi in movimento, con un mega schermo centrale di 18 metri per 15, più altri quattro di poco più piccoli. Due gru da 400 tonnellate hanno mantenuto sollevato l’impianto audio. Nello stesso momento, una trentina di torri di ritardo di due tonnellate l’una sono state stabilizzate con sei tonnellate di zavorra cementata per ognuna di esse.

Per merito di questi portentosi mezzi, il popolo di Vasco Rossi ha potuto ascoltare la medesima qualità audio dai primi posto fino agli ultimi più in fondo.

Le telecamere erano ben 26, tra le quali anche una speciale del 1977. In questo modo, si è riusciti a dare l’effetto delle prime riprese fatte a Vasco Rossi ai suoi esordi. Lo staff operativo era composto da circa trecento persone. Più di 120 addetti hanno iniziato a lavorare al concerto già dall’inizio del mese di maggio.

Sono stati posizionati e installati oltre duemila punti luci, 140 laser e un megawatt di assorbimento elettrico. Inoltre sono state posizionate quasi due chilometri e mezzo di transenne per dividere i tre Pit venduti. Coprivano quasi cinquecento metri quadrati le tende dedicate al ristoro o all’acquisto di merchandising dell’evento. Oltre sessanta, infine, sono stati i container utilizzati come camerini e uffici. Più di mille docce e bagni chimici erano sparsi per l’intero parco di Modena.

Vasco Non Stop

Raccolta del cantautore italiano pubblicata l’11 Novembre 2016. Contiene i più grandi successi della sua onorevole carriera, con l’aggiunta di quattro brani inediti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche