Contratto di governo Lega-M5s, il via libera di Berlusconi
Contratto di governo Lega-M5s, il via libera di Berlusconi
Politica

Contratto di governo Lega-M5s, il via libera di Berlusconi

Salvini-Di Maio

Le due forze politiche, uscite vincitrici dalle elezioni del 4 Marzo, sembrano aver trovato un accordo per formare un governo.

Il Movimento Cinque Stelle e la Lega sono disposti a siglare un contratto di governo su alcuni punti considerati irrinunciabili da entrambe le parti: abolizione della legge Fornero, migranti e reddito.

Contratto di governo

Matteo Salvini e Luigi Di Maio il 9 Maggio, avevano chiesto a Sergio Mattarella ancora 24 ore per trattare, prima che il Presidente della Repubblica si pronunciasse su un governo tecnico. La riapertura del dialogo tra le due forze politiche è stata favorita dal passo indietro del capogruppo di Forza Italia, Silvio Berlusconi. Entrambi i leader hanno accolto favorevolmente la scelta del cavaliere: Matteo Salvini ha ringraziato Berlusconi e ha espresso la volontà di mettersi al lavoro, il prima possibile, per formare il programma e la squadra di governo; Luigi Di Maio ha sottolineato l’importanza di trovare un contratto di governo e ha confermato l’incontro con il leader del Carroccio, previsto per la giornata di oggi, 10 Maggio.

Il rappresentante dei pentastellati si dice soddisfatto perché finalmente ha prevalso la responsabilità, dato il momento molto delicato che sta attraversando il nostro Paese.

Poco dopo la diffusione della nota di Berlusconi, Salvini ha rilasciato una dichiarazione in cui ha spiegato le sue intenzioni per il futuro: “Come promesso stiamo lavorando fino all’ultima ora per far nascere un governo fedele al voto degli italiani […] O si chiude veloce o si vota.

I punti tangenti nei programmi di Lega e Movimento Cinque Stelle sono: immigrazione, taglio dei costi della politica, revisione dei rapporti con l’Europa e abolizione della legge Fornero. Questi temi hanno sempre accomunato i due partiti che si sono presentati come forze di rottura nei confronti della vecchia politica.

Il ruolo di Berlusconi

Silvio Berlusconi ha deciso di non mettere nessun veto a un possibile accordo di governo tra Lega-M5s. Come viene riportato sulla pagina Facebook di Forza Italia, l’eventuale contratto di governo non segnerebbe la fine della grande coalizione di Centrodestra: “se un’altra forza politica della coalizione di centro-destra ritiene di assumersi la responsabilità di creare un governo con i cinque stelle, prendiamo atto responsabilmente della scelta […] non sta di certo a noi porre veti o pregiudiziali”.

L’ex premier ha quindi dato il via libera a un possibile accordo tra le due forze ma tiene a sottolineare che il suo partito, Forza Italia, non voterà la fiducia ad un eventuale accordo per un esecutivo. Questa scelta è dettata dall’impossibilità di FI di accettare il governo con i pentastellati perché, quest’ultimi, sono un partito che “ha dimostrato anche in queste settimane di non avere la maturità politica per assumersi questa responsabilità. Questo lo abbiamo sempre detto e per quanto ci riguarda non è mai iniziata una trattativa”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Xiaomi Watch Xiaomi Huami Amazfit Bip Smartwatch White Cloud
81 €
Compra ora
Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora