Controlli fiscali a Palermo, irregolarità nel 62% dei casi - Notizie.it
Controlli fiscali a Palermo, irregolarità nel 62% dei casi
Palermo

Controlli fiscali a Palermo, irregolarità nel 62% dei casi

Controlli a tappeto anche per la città di Palermo e provincia. Più di 400 finanzieri infatti sono stati impiegati per un controllo fiscale che ha interessato i commercianti sia ambulanti che di altra natura (negozi, ristoranti, pizzerie, bar, artigiani,ecc). Il numero degli esercenti verificati è di 369, di cui il 62% dei casi irregolari, vale a dire ben in 229 non erano in regola con il fisco.

L’ammontare delle sanzione è di circa un milione e mezzo di euro. Le maggiori irregolarità riscontrate sono rilascio di scontrini e fatture, ma anche l’utilizzo di lavoratori in nero.

In città in particolare su 185 controlli,estesi anche nei mercati rionali del Ballarò, di piazzale Giotto, viale Strasburgo, viale Campania e via Notarbartolo, l’infrazione maggiore è la mancata emissione di scontrini e di fattura, pari all’84% dei casi. Inoltre nel corso della verifica, 34 ambulanti sono stati scoperti privi di quai tutta la documentazione indispensabile per l’attività di vendita, mancanti di partita IVA, autorizzazione e misuratore fiscale.

In provincia gli uomini della finanza si sono distribuiti tra le zone di Termini Imerese, Partinico, Bagheria, Cefalu’, Corleone, Carini, Terrasini, Villabate, Santa Flavia e altre località, rilevando su 184 soggetti, infrazioni nel 42 % dei casi, la metà di quelle presenti in città su quasi lo stesso numero di verificati.

Il dato allarmante emerge dalla verifica effettuata su 41 soggetti in merito alla regolarità dei lavoratori.

Ben 31 sono risultati irregolari, di cui uno denunciato per impiego di minore. Altre irregolarità inoltre sono state evidenziate in compensi “Fuori busta” e orari di molto superiori a quelli contrattualizzati.

Da sottolineare inoltre i casi di un centro estetico completamente abusivo in zona centrale di Palermo, un call center con 19 dipendenti completamente in nero ed in ultimo un negozio di elettrodomestici in uno dei centri commerciali con ben 16 lavoratori irregolari.

Anche per le infrazioni relative alle emissioni di scontrini fiscali si sono evidenziate delle “stranezze”, una pasticceria gelateria di Palermo il giorno dopo della verifica fiscale dove era stato verificato un incasso di 3300 euro, registrava un fortunoso incasso di 9000 euro. Viene da pensare che l’arrivo della Guardia di Finanza sia un evento propizio, proprio com’è accaduto in altre città d’Italia.

Scoperti e sequestrati inoltre merci contraffate di vario genere, in particolare abbigliamento, materiali elettrici non conformi alle norme CE, dvd-cd, per un totale di 1500 pezzi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche