×

Corona nuovamente indagato: appropriazione indebita e dichiarazione infedele dei redditi

Corona nuovamente indagato: appropriazione indebita e dichiarazione infedele dei redditi. Rimane congelato anche il milione di euro: "è al centro della nuova inchiesta"

fabrizio corona

Solo due settimane fa il magistrato aveva deciso che Fabrizio Corona non potesse essere affidato ai servizi sociali. “Rimane in carcere”, questo era quando dichiarato dal suo legale in un intervento a Mattino 5. Ma oggi, un’altra batosta per l’ex fotografo, gli inquirenti aprono una nuova inchiesta per le accuse di appropriazione indebita e dichiarazione infedele dei redditi

L’Odissea Corona

Aveva annunciato lo sciopero della fame, Fabrizio Corona. Una reazione drastica dovuta al rifiuto della corte al suo scarceramento e al conseguente affidamento all’assistenza sociale dell’ex paparazzo. Lo sciopero era stato annunciato dal suo stesso legale Ivano Chiesa, nel programma di Federica Panicucci. ” è stato buono, è stato zitto, abbiamo fatto il processo subendo di tutto”, aveva detto Chiesa, ” si sente come un sequestrato”.

Ma l’Odissea Corona non è ancora giunta al termine.

Secondo le ultime informazioni il paparazzo delle star, Fabrizio Corona, sta per affrontare un nuovo e pesante processo. Contro di lui lo Stato con le accuse di appropriazione indebita e dichiarazione infedele dei redditi. L’inchiesta riguarda i 2,6 milioni di euro trovati in parte in un controsoffito di un appartamento riconducibile a Corona e in parte in Austria. Un atto dovuto secondo il Pm Alessandra Dolci.

“Come un sequestrato”

Fabrizio Corona, un nome che in passato era al centro degli scandali amorosi con la Rodriguez e la Moric e che adesso è al centro dell’attenzione mediatica per i suoi reati. Un’ Odissea senza fine che sembrava giunta al termine con la sua scarcerazione qualche tempo fa, ma che si è riaperta quando la finanza aveva trovato milioni di euro nascosti al fisco.

Oltre alla batosta di due settimane fa in cui il giudice rifiutava l’istanza di scarcerazione, Corona ora dovrà affrontare un nuovo processo che gli porterà un’ulteriore condanna da aggiungere a quella di 1 anno e 5 mesi chiesti per lui dall’accusa.

Rigettata anche la richiesta di dissequestro di contante pari a 1 milione di euro da parte della Sezione misure di prevenzione del Tribunale milanese . Per Corona quei contanti “congelati” sarebbero l’unica fonte di sostentamento attualmente, ma il Pubblico Ministero non può accettare la richiesta di dissequestro. Si tratta, infatti, di materiale al centro della nuova inchiesta aperta contro l’ex fotografo per appropriazione indebita e dichiarazione infedele dei redditi. Nel frattempo, Fabrizio Corona rimane in carcere a San Vittore in attesa di nuovi sviluppi dopo il no del Tribunale di Sorveglianza all’affidamento in prova ai servizi sociali


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Leggi anche