×

Corte Suprema Usa abolisce diritto all’aborto, Amanda Knox: “Devo tornare in Italia?”

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito la sentenza sul diritto all'aborto. Amanda Knox ha deciso di commentare la notizia.

Amanda Knox

Amanda Knox, nota alle cronache per il delitto di Meredith Kercher a Perugia, ha commentato la notizia che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha cancellato la sentenza sul diritto all’aborto

Corte Suprema Usa abolisce diritto all’aborto, Amanda Knox: “Devo tornare in Italia?”

La Corte Suprema Usa ha abolito la sentenza che garantisce il diritto all’aborto. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha definito questo giorno molto triste per il Paese. Amanda Knox, nota per il tragico caso del delitto di Meredith Kercher a Perugia, per cui è stata accusata e poi assolta, ha deciso di commentare questa decisione con un tweet. “Devo tornare in Italia?” ha scritto la donna. “L’Italia cattolica prevede più diritti riproduttivi umani degli Stati Uniti” ha aggiunto, pubblicando un’immagine che riassume la normativa italiana sul diritto all’aborto. 

Le reazioni alla decisione della Corte Suprema

La Corte Suprema ha abolito la storica sentenza Roe v. Wade, con cui nel 1973 aveva legalizzato l’aborto negli Stati Uniti. “La Costituzione non conferisce il diritto all’aborto” si legge nella sentenza. La decisione è stata presa da una Corte divisa, con 6 voti a favore e 3 contrari. “Oggi è un giorno triste per la Corte suprema e il Paese” ha dichiarato Joe Biden, sottolineando il rischio per la salute e la vita delle donne.

L’Onu ha aggiunto che abolire il diritto all’aborto è “un colpo terribile ai diritti umani delle donne“. “La sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti pronunciata oggi rappresenta una grave battuta d’arresto dopo cinque decenni di tutela della salute e dei diritti sessuali e riproduttivi negli Stati Uniti grazie alla sentenza Roe contro Wade. È un duro colpo per i diritti umani delle donne e per l’uguaglianza di genere” ha aggiunto Michelle Bachelet, Alta Commissaria Onu per i diritti umani.

Contents.media
Ultima ora