×

Cos’è la Nato e che ruolo ha nella guerra tra Russia e Ucraina

La Nato, Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord istituita nel 1949, oggi conta 30 Paesi membri.

Guerra

La Nato, Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord istituita nel 1949, oggi conta 30 Paesi membri. Inizialmente il suo scopo era quello di difendere il blocco euro-atlantico dal rischio di un attacco sovietico.

Cos’è la Nato? Valori e Paesi membri

La Nato è l’Organizzazione del trattato dell’Atlantico del Nord. Nata nel 1949 con il Patto atlantico, aveva come scopo principale quello di difendere il blocco euro-atlantico dal rischio di un attacco sovietico. La nascita della Nato coincide con la firma del trattato di Washington del 4 aprile 1949. La Nato è un’organizzazione internazionale con sede a Bruxelles. Attualmente il segretario generale è il norvegese Jens Stoltenberg. L’organizzazione si basa sulla necessità di garantire la sicurezza e il benessere dei cittadini, con lo scopo di “garantire la libertà e la sicurezza dei Paesi membri attraverso mezzi politici e militari“.

Come si legge sul sito ufficiale, la Nato si fa promotrice dei valori democratici e spinge i membri a collaborare per prevenire i conflitti. Se gli sforzi diplomatici dovessero fallire, ha il potere militare di effettuare operazioni per gestire la crisi. Uno dei principi più importanti è quello per cui un’aggressione a uno dei membri equivale ad un’aggressione a tutti.

Attualmente 30 paesi sono membri della Nato, tra quelli europei e nordamericani.

I Paesi membri della nato, con le date dell’ingresso nell’alleanza, sono:

  • Albania (2009)
  • Belgio (1949)
  • Bulgaria (2004)
  • Canada (1949)
  • Croazia (2009)
  • Danimarca (1949)
  • Estonia (2004)
  • Francia (1949)
  • Germania (1955)
  • Grecia (1952)
  • Islanda (1949)
  • Italia (1949)
  • Lettonia (2004)
  • Lituania (2004)
  • Lussemburgo (1949)
  • Macedonia del Nord (2020)
  • Montenegro (2017)
  • Norvegia (1949)
  • Paesi Bassi (1949)
  • Polonia (1999)
  • Portogallo (1949)
  • Regno Unito (1949)
  • Repubblica Ceca (1999)
  • Romania (2004)
  • Slovacchia (2004)
  • Slovenia (2004)
  • Spagna (1982)
  • Stati Uniti (1949)
  • Turchia (1952)
  • Ungheria (1999)

Ci sono anche 40 Paesi partner della Nato, che lavorano con l’alleanza, tra cui l’Ucraina.

Le decisioni della Nato e il ruolo dell’Italia

Qualsiasi altro Stato europeo in condizione di soddisfare i principi di questo trattato e di contribuire alla sicurezza dell’area nord-atlantica” può diventare membro della Nato. L’Organizzazione ha un piano d’azione per l’adesione, con lo scopo di aiutare gli aspiranti membri a prepararsi e a soddisfare i requisiti richiesti. Le decisioni vengono prese all’unanimità. L’Italia è tra i primi firmatari del trattato istitutivo della Nato e per questo è presente un quartier generale in Veneto e basi Nato a Bagnoli, Verona e Ferrara, oltre alla sede a Roma. In Italia si svolge l’attività di formazione e addestramento. I militari italiani operano in vari scenari internazionali a supporto delle operazioni di pace.

Il ruolo della Nato nella guerra tra Russia e Ucraina

Il ruolo della Nato è fondamentale nella guerra tra Russia e Ucraina. L’alleanza è nata come difesa contro la paura di un attacco o di un’azione militare sovietica. Il possibile allargamento della Nato coinvolge l’Ucraina, con una trattativa che è iniziata nel 2005 e con ultimi passi importanti tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022. Il timore del Cremlino è che l’adesione di Kiev alla Nato possa essere pericolosa per la sua sicurezza e per il predominio su quell’area.

Contents.media
Ultima ora