Cosa aspettarsi alla terza settimana di gravidanza - Notizie.it
Cosa aspettarsi alla terza settimana di gravidanza
Wellness

Cosa aspettarsi alla terza settimana di gravidanza

A tre settimane di gravidanza, molte donne non hanno nemmeno scoperto che sono in gravidanza o lo hanno appena scoperto a causa di un mancato ciclo. Con le tre settimane di gravidanza, il tuo corpo sarà già passato attraverso la fecondazione e l’impianto probabilmente. Diverse donne avranno diversi effetti di una gravidanza precoce. Questi sono i segni e sintomi più comuni che le donne possono aspettarsi a tre settimane di gravidanza così come quello che potete aspettarvi dal vostro medico.


Quando andare dal medico
Quando scopri di essere incinta, il medico ti richiede il test delle urine. Se dalla verifica emerge un negativo allora può richiedere un esame del sangue per confermare la gravidanza. Se il medico è preoccupato per i livelli ormonali, può anche controllare il sangue.

Nausea
La nausea può iniziare dalla terza settimana, perché i tuoi ormoni iniziano a lavorare subito. Potreste scoprire che si verifica nausea solo la mattina o tutto il giorno, o che semplicemente si ha una avversione per alcuni alimenti.

Crampi
Avere crampi a tre settimane di gravidanza è perfettamente normale e nulla di cui preoccuparsi.

Di solito si verificano quando c’è l’impianto. Se si verificano crampi e sanguinamento, è necessario contattare il medico.

Spotting
Lo spotting può verificarsi durante l’impianto ed è conosciuto come sanguinamento da impianto. E’ comune anche avere spotting quando dovrebbe verificarsi il ciclo.

Stanchezza
All’inizio della gravidanza, gli ormoni sono già al lavoro straordinario per iniziare lo sviluppo dell’embrione e può causare affaticamento. Si può stancarsi facilmente o essere ancora stanco dopo un pisolino o una notte di sonno.

Visite ginecologiche
Il ginecologo vi visiterà dopo un test di gravidanza positivo, di solito tra le sei e 10 settimane nella gravidanza se si è sani e non si hanno mai avuto complicazioni della gravidanza precedente.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche