×

Cosa significa default?

"Default" è un'espressione molto comune anche nell'uso quotidiano: qual è il significato del termine e quando viene utilizzato?

cosa significa default

È una parola usata quotidianamente, ma cosa significa “default”? Il termine, letteralmente, ha origine inglese e significa “inadempienza”, “omissione”. L’espressione, inoltre, è usata abitualmente per questioni informatiche ed economiche, ma non solo.

Cosa si intende per default?

“Default” è una parola comunemente usata per questioni informatiche, per descrivere lo stato di base di programmi, computer, apparecchi, prima che si effettuino specifici interventi.

In tempi più recenti l’espressione è entrata nel gergo finanziario e viene usata per indicare il fallimento. Può essere utilizzata in riferimento a un’azienda o a un’intera nazione che non riesce a risanare i propri debiti secondo il piano previsto con i creditori. 

Cosa significa Stato in default?

L’incapacità di un debitore – compreso uno Stato – di ripagare i propri debiti porta a una condizione di default L’insolvenza di uno Stato può quindi portare alla dichiarazione di fallimento, diventando incapace di restituire quanto ha ricevuto dai creditori.

All’indomani dello scoppio della guerra in Ucraina e in seguito alle sanzioni imposte dall’Occidente, il rischio di default coinvolge oggi la Russia, che affronta la chiusura della Borsa e la caduta del rublo, il blocco dei capitali in uscita e dell’impiego delle riserve in valuta della Banca centrale russa, fino all’impennata dei tassi di interesse.

Cosa succede se si va in default?

Chiunque può andare in fallimento.

Il default può coinvolgere una singola persona o un’intera famiglia, un’azienda o una banca, un comune e persino uno Stato. I conti sono in rosso e non si riesce a restituire quanto ottenuto in precedenza dai creditori. Cambia la portata degli effetti a seconda del soggetto che finisce in default.

Se uno Stato si trova in default, gli effetti sulla popolazione e sulla propria economia saranno particolarmente pesanti.

I servizi pubblici, dalle scuole agli ospedali, rischiano un blocco, smettendo così di funzionare. Lo stesso rischio coinvolge tutte le imprese di Stato.

Inoltre, acquistare beni o servizi dall’estero diventa più complicato e più costoso, le tasse aumentano e in tanti rischiano di perdere il lavoro.

Perché si dice “di default”?

Il termine “default” non indica solo qualcosa di negativo, come il fallimento di un’azienda o di un intero Paese.

“Di default” è un’espressione particolarmente usata nel parlato colloquiale e significa “in modo automatico, come di consuetudine”.

Contents.media
Ultima ora