×

Cos’è il Test Apgar?

A uno, cinque e dieci minuti dalla nascita, il neonato viene controllato secondo i cinque test del punteggio Apgar, si tratta di un controllo che serve a stabilire nell'immediatezza se il neonato è...

A uno, cinque e dieci minuti dalla nascita, il neonato viene controllato secondo i cinque test del “punteggio Apgar”.

Il punteggio puo’ essere 0, 1 oppure 2. Se il risultato finale è superiore a 7, il bambino è in buone condizioni; se è inferiore a 4, necessita di aiuto.

Ecco come funziona:

colorito: il colorito roseo indica che i polmoni lavorano bene;

attività cardiaca: se il cuore è sano il battito è regolare;

eccitabilità dei riflessi: le reazioni all’introduzione di un sondino naso-faringeo indicano la capacità di risposta agli stimoli;

tono muscolare: dai movimenti si valuta la salute dei muscoli;

attività respiratoria: il respiro deve essere regolare

I controlli servono appunto per valutare lo stato di salute dei polmoni, del cuore e la corretta risposta agli stimoli.

Il test, è stato appunto appurato dalla dottoressa Virginia Apgar, una nota anestetista, con il compito preciso di stabilire se il bambino necessita di cure immediate o di particolare attenzione.

Oltre al test Apgar, il bambino viene esaminato con una serie di brevi controlli:

– controllo dei lineamenti del volto e delle proporzioni del corpo;

-controllo della spina dorsale per verificare che non ci sia spina bifida;

– esame all’ano, agli arti, e alle dita della mano e del piede;

– conteggio del numero di vasi sanguigni presenti nel cordone ombelicale (normalmente due arterie e una vena);

– misurazione della circonferenza del cranio e della lunghezza del corpo;

– controllo della temperatura per via rettale ed eventuale riscaldamento del piccolo.

Si tratta di esami semplicissimi, infatti durano il tempo di un minuto, e servono appunto a valutare la normalità o meno del neonato.

Leggi anche