×

Cosenza, le testimonianze delle molestie a scuola: “Prof ci palpeggiava, preside rideva”

Le studentesse del liceo Valentini-Majorana di Castrolibero hanno denunciato le molestie subite a scuola, da parte di un professore.

Molestie

Le studentesse del liceo Valentini-Majorana di Castrolibero hanno denunciato le molestie subite a scuola, da parte di un professore, sottolineando che mentre subivano gli abusi la preside rideva. 

Dodici studentesse hanno denunciato le molestie subite a scuola

Sono dodici le studentesse del liceo Valentini-Majorana di Castrolibero, in provincia di Cosenza, che hanno denunciato delle molestie da parte di un professore di Matematica e Fisica e l’intenzione della dirigente scolastica di non far trapelare la notizia. Le ragazze, sostenute dai compagni, hanno raccontato di un professore che le palpeggiava e chiedeva loro foto. Hanno anche denunciato il comportamento della preside, che avrebbe avuto la volontà di “insabbiare” tutto.

Le associazioni studentesse, con altri insegnanti, ragazzi e genitori, hanno chiesto che il professore non venga solo allontanato, ma anche radiato dall’insegnamento, per evitare che possa commettere altri abusi. 

Le testimonianze: “La preside rideva in faccia alle studentesse”

La Repubblica ha raccontato le testimonianze di alcune ex studentesse del liceo Valentini-Majorana. “Una mia ex compagna di classe denunciò che il professore faceva continue allusioni al fatto che avesse un seno grande, aveva ossessione per tutto ciò che riguardasse la sfera individuale di una persona.

Ciò faceva sentire i nostri ex compagni di classe legittimati a farlo a loro volta” ha raccontato una ex studentessa. “La preside non ha creduto alle parole di una ragazza che è andata da lei per dirle di essere stata abusata rideva in faccia alle studentesse che si rivolgevano a lei per chiederle aiuto, oppure rispondeva loro ‘ve la siete cercata’” ha aggiunto un’altra ex allieva. 

Gli studenti hanno occupato il liceo

Studenti e studentesse hanno deciso di occupare il liceo Valentini-Majorana, per denunciare le violenze subite. “Abbiamo occupato per combattere un mancato intervento nei confronti di abusi sessuali da parte dei docenti che avvengono da anni” hanno dichiarato. A sostenere i ragazzi di Cosenza è intervenuto anche il centro antiviolenza Roberta Lanzino, con la presidente Antonella Veltri, che ha voluto manifestare loro tutto il suo supporto. 

Contents.media
Ultima ora